Ambiente

LEGAMBIENTE SUL FIUME LORICINA – Comunicato Stampa

Comunicato stampa del 21.10.2016

Il data 21 ottobre si è svolto un incontro fra una delegazione del Circolo di Legambiente di Anzio-Nettuno ed una rappresentanza  di proprietari di stabilimenti balneari di Nettuno (sig. Simeoni e sig. Dotti) sulla questione dell’inquinamento del mare causato dal fiume Loricina.

All’incontro ha partecipato anche l’ex Sindaco di Nettuno Antonio Simeoni. L’incontro era stato richiesto dai gestori per dare un seguito operativo alla denuncia del problema dell’inquinamento del mare che Legambiente aveva sottolineato, consegnando la “bandiera nera”  al comune di Nettuno, nel giugno scorso.

Alcuni gestori, tra cui il sig. Dotti, avevano in precedenza incontrato il sindaco che aveva assicurato il suo impegno per riportare tutta la costa di Nettuno alla piena balneabilità. Anche il Circolo di Legambiente  aveva ribadito l’urgenza di risolvere il problema chiedendo al vice sindaco il monitoraggio e il controllo di tutti gli scarichi irregolari nel Loricina.

Il comune ha  sollevato il problema dell’occlusione di uno dei due scarichi a mare del fiume, quello canalizzato. Il sig. Antonio Simeoni ha ricordato che la canalizzazione del fiume, in un tubo che doveva sfociare in mare a 800 metri dalla costa, era stata  realizzata  nel 2001; il  tubo si era subito ostruito per mancanza di filtri per bloccare la  sabbia e quindi il lavoro non aveva superato il collaudo.

I gestori fanno anche notare che sembra che la maggior parte delle pompe di sollevamento delle acque bianche sia guasta e che il comune dovrebbe vigilare sulla funzionalità dell’impianto fognante e di depurazione.

La  responsabile del Circolo di Legambiente Anna Tomassetti ha dichiarato che il Circolo è disponibile a studiare, insieme ai gestori degli stabilimenti balneari, tutte le azioni praticabili per un vero e totale disinquinamento della costa da proporre poi al Sindaco di Nettuno in un incontro.

L’intento è anche quello di  attivare, con iniziative pubbliche, tutti gli enti ed organismi che devono curare la pulizia del Loricina e delle sue sponde.

Osserviamo infine che l’imponente cementificazione della costa, dove si è innalzato un muro compatto (banchine del porto, abitazioni ed altro) che impedisce alle acque piovane di defluire, porta ai frequenti allagamenti del lungomare.

 

Ufficio Stampa Legambiente Anzio-Nettuno

 

I più letti

To Top