Città

Commissariato o Municipio? Trasparenza negata a Nettuno

Grave incidente diplomatico all’interno dell’amministrazione comunale di Nettuno, i consiglieri del M5S hanno proibito l’ingresso nella sala giunta dove era in corso la riunione della commissione trasparenza persino ai consiglieri comunali. Carlo Eufemi per protesta si è dimesso dalla commissione mentre il capogruppo PD Giacomo Menghini e’ uscito dall’aula indignato ed ha postato sui social la diretta di ciò che accadeva. Forse per inesperienza o per negligenza questo comportamento getta ombre sulla democraticità e sulla stessa trasparenza dell’amministrazione di Nettuno. Mai successa una cosa simile persino ad Anzio le riunioni in commissione trasparenza, sempre più rare, erano state aperte a tutti anche ai cittadini. Un comportamento ammesso solo nelle stanze dove si svolgono indagini formali come in commissariato. Non è un caso, infatti, che la legge prevede l’ ineleggibilità a primo cittadino, con la dovuta e severa regolamentazione, per i funzionari di Polizia  forse per motivi istituzionali e certamente sono  portati a compiti delicati di segretezza con la dovuta rigidità. Da amministratori locali ci si aspetta un altra sensibilità ed apertura. Il testo unico sugli enti locali articolo 43 comma 2 è chiaro in merito: “I consiglieri comunali e provinciali hanno diritto di ottenere dagli uffici, rispettivamente, del comune e della provincia, nonché dalle loro aziende ed enti dipendenti, tutte le notizie e le informazioni in loro possesso, utili all’espletamento del proprio mandato. Essi sono tenuti al segreto nei casi specificamente determinati dalla legge.”

I più letti

Giornale on-line dell'associazione culturale 00042
Registrazione N° 15/2014 decreto del 22/12/2014
Siti dell'associazione: 00042 --- Shingle22J

To Top