Città

Atti mafiosi ad Anzio: Vertici PD premono per commissione d’accesso

Il comunicato stampa di Rocco Maugliani  era dovuto, ora tocca al sindaco e la sua giunta tirare le somme e accettare la realtà locale. Anzio è diventata una città con tendenze mafiose molto, troppo, marcate, la politica ne ha la responsabilità, la magistratura e la prefettura il dovere di dare immediate risposte e provvedimenti, non si può più aspettare e il limite non può essere spostato neanche un millimetro in più, lo si è superato troppe volte. Una o due volte possono essere coincidenze, incidenti, ma se le intimidazioni continuano diventano una certezza  di presenza mafiosa. Il segretario provinciale del PD, Rocco Maugliani e il Presidente del Forum della Legalità del PD provinciale Benedetto Paris hanno diramato questo comunicato stampa congiunto:

“L’episodio che ha coinvolto il vicesindaco di Anzio, Giorgio Zucchini, la cui auto è stata data alle fiamme la notte scorsa, è l’ultimo di una serie di inquietanti fatti di cronaca che hanno visto negli ultimi mesi protagonisti, loro malgrado, esponenti della maggioranza che fa capo al sindaco Luciano Bruschini.

La giunta Bruschini, va ricordato, è da mesi al centro di una serie di inchieste giudiziarie che, qualora trovassero conferma nell’accertamento dei fatti nelle sedi competenti, rappresenterebbero uno scenario di infiltrazioni di fenomeni malavitosi all’interno delle istituzioni locali di inaudita gravità e pericolosità sociale. Il Partito Democratico, anche attraverso il Forum della Legalità che ha istituito per la Provincia di Roma, denuncia da tempo questo inaccettabile stato di cose che mette a rischio la sicurezza e la convivenza civile in uno dei comuni più belli del litorale romano. In ragione di questo – concludono Paris e Maugliani- nelle prossime settimane ci faremo promotori di iniziative nelle sedi competenti affinché si verifichi se sussistono i presupposti perché la giunta Bruschini venga sciolta per infiltrazioni mafiose”.

Va data la solidarietà al vicesindaco Giorgio Zucchini per l’atto intimidatorio e il sostegno morale agli Assessori tutti, compresi coloro che hanno subito le violenze private ma nello stesso tempo è necessario che i responsabili di questo andazzo, del modo con cui si interagisce con persone poco raccomandabili paghino in prima persona e se il sindaco non vuole dimettersi di fronte l’evidenza ci salvi chi ha l’autorità per farlo. Davanti al ripetersi di eventi drammatici, senza che i casi siano stati mai risolti dalle autorità locali questa è una preghiera, una supplica prima che arrivi il peggio.

 

I più letti

Giornale on-line dell'associazione culturale 00042
Registrazione N° 15/2014 decreto del 22/12/2014
Siti dell'associazione: 00042 --- Shingle22J

To Top