UN MARE DI ‘ROSSE’

UN MARE DI ‘ROSSE’

Il 29 marzo Anzio è stata invasa, al rombo dei loro potenti motori, da decine e decine di ‘rosse’.

Come avviene da ormai sette anni, è stato organizzato un raduno Ferrari che ha visto come punto di ritrovo logistico il ristorante di Mauro Boccuccia, imprenditore grande amante dei motori.

locandina-evento-ferrari

Da quest’anno al raduno è stata affiancata anche una direzione artistica a Premi, i ‘Ferrari Awards’ che saranno assegnati a cura dell’Associazione ‘Occhio dell’arte’.

La Presidentessa dell’Associazione, Lisa Bernardini, ha pensato di assegnare dei riconoscimenti a delle personalità dello spettacolo, della moda, della cultura e dello sport, tra cui ricordiamo Andrea Roncato, Marina Occhiena, Alessandro Serra, l’Agenzia YourWay Management, Maurizio Pizzuto, direttore di Prima Pagina News, agenzia quotidiana di stampa nazionale, e quello assai particolare a Marco Scorza e al suo progetto contro la violenza sulle donne, che ha visto come testimonial d’eccezione le pallanuotiste del sette-rosa italiano, alcune delle quali sono intervenute alla premiazione.

Altro premio legato ad un personaggio ‘sportivo’ è quello che è stato assegnato a Corrado Mattoccia, presidente della Fondazione ‘Il museo del Rugby: Fango e sudore’; una realtà quella di Colleferro che è un vero e proprio gioiello internazionale del settore, con i suoi oltre 15 mila reperti custoditi.

La manifestazione, condotta da Anthony Peth, ha visto la partecipazione del presidente del Club romano ‘Passione Rossa’, Fabio Barone.

A margine di questo raduno, una notizia che ha del comico e del drammatico, allo stesso tempo. Al ritorno dal raduno, una delle Ferrari, una 599 Gto, di proprietà di un imprenditore olandese, stava per essere caricata su una ‘bisarca’ insieme ad un altro gruppo di ‘rosse’ reduci dal raduno, quando il garagista incaricato di prenderla in consegna, inavvertitamente ha pigiato -sono le parole con cui lo stesso ha raccontato i fatti- il pedale dell’acceleratore, invece del freno. Morale della favola, la Ferrari è entrata come una bomba in un negozio, distruggendo tutto il locale, oltre a riducendosi ad un ammasso di lamiere.

Adesso bisognerà spiegare al signor Vos, che i suoi oltre 319 mila euro spesi per la macchina sono andati in fumo…