SOLO UNA FORMALITA’

SOLO UNA FORMALITA’

La squadra di Anzio passa sul proprio campo demolendo il Later per 79 a 0 – Quella di domenica è stato più un allenamento che una vera e propria partita per la Neroniana-Bro, contro il Later, la squadra cadetta di Latina, che di questi tempi non se la passa davvero bene, sia dal punto societario che tecnico.

Arrivata al Comunale con solo quindici atleti, e priva della panchina, la squadra ospite è sembrata fin da subito assumere i panni dell’agnello sacrificale di turno; proprio il mancato arrivo dell’ultimo giocatore terracinese ha fatto temere che non ci fossero i numeri per far iniziare la partita, ma poi al fischio del bravo e attento arbitro Giordani, la partita è iniziata alle 15,00 con la mezz’ora di ‘ritardo’ richiesta da ambedue le squadre.

CIMG1943

Una partita che ha dimostrato già nelle sue prime battute d’avvio quale sarebbe stato il leit-motive della giornata, con i ragazzi di Anzio all’attacco, e i terracinesi a cercare di chiudere, o quanto meno, nel tentativo di chiudere tutti gli spazi. Ma lo scatenato Manera dell primo quarto d’ora, riusciva con due prepotenti azioni di sfondamento da mischia ad andare per ben due volte in meta (sarà il migliore realizzatore della giornata, ponendo la sua firma anche alla quinta meta dei tirrenici).

Commentare la partita, come facciamo di solito, sarebbe un susseguirsi di nomi e di minuti, nel descrivere le tredici mete realizzate dai giocatori di casa, ed anche un umiliazione per i poveri terracinesi, per cui stavolta passiamo solo ai commenti generali.

CIMG1948

Guidata sul terreno dal coach delle giovanili, Giovanni Colantuono, per la squalifica rimediata domenica scorsa dall’allenatore Michele Cuttitta, la Neroniana terminava la prima frazione di gioco sul risultato ormai abbondantemente raggiunto di 36-0, con le altre mete di Ben Azzouz, Mendiburo , Manera e Cicconi, a cui si sono aggiunte le 3 trasformazioni di Buzzi, di cui una applauditissima,  per la difficile posizione di battuta.

La ripresa iniziava un po’ più blanda, con la squadra di casa che cominciava a perdere un po’ del gioco di squadra visto nel primo tempo, fatta di bei passaggi a centro campo che liberavano le ali, per dar sfoggio di una certa ‘personalizzazione’, dove ognuno cercava di arrivare in meta, per conto suo. Sicuramente se il gioco fosse continuato nel suo insieme, ci sarebbero state un altro paio di mete in più, ma il risultato finale, scaturito dalle 13 mete di cui dicevamo sopra, può far sorvolare su questi piccoli dettagli.

CIMG1953

Andavano a segno, nella ripresa per ben due volte Ragnacci e Galoni (bella la sua seconda meta, con la palla intercettata al limite dei 10 metri) e con le mete individuali di Feroce, del rientrante Santillo e di Gervasi, autore di una splendida meta di forza, dove presa la palla a centrocampo, è riuscita a portarla in mezzo all’acca, vanamente contrastato dagli avversari.

Man of the match, a fine giornata è risultato Michael Iacoangeli, che ancora una volta ha disputato una bellissima gara, nonostante le difficili condizioni mediche per via di un disturbo al ginocchio.

CIMG1959

Adesso, dopo la sosta di domenica prossima, la Neroniana se la vedrà in trasferta con la Lazio Old Clan, ultima in classifica, una partita sulla carta, quasi simile all’odierna, ma nel rugby si sà, nulla è scontato.

Formazioni: Neroniana-Bro: Iacoangeli, Ben Amor © (75’ Petillo), Cicconi, Esposito (62’ Gervasi), Ben Azzouz, Manera, Noro, Buzzi (52’ Campo), Troiano, Cerchia (47’ D’alvano), Galoni, Feroce (65’ Santillo), Mendiburu, Ragnacci. All. Colantuono

A disposizione: Vernillo, Melancia

Latina Cadetto: Raiola, Di Mario, Rizzi, Fantusi, Giudicianni, Piovesan, Golfieri, Pepe, Pompili, Galasso, Paoletti, Casale, Bergamini, Bastevole, Bonelli.  All. Turchi

Arbitro: Francesco Giordani

Punti: 5’ Manera (m); 10’ Manera (m), Buzzi (t); 14’ Ben Azzouz (m); 17’ Mendiburu (m), Buzzi (t); 23’ Manera (m), Buzzi (t); 38’ Cicconi (m); 42’ Ragnacci (m), Buzzi (t); 47’ Feroce (m); 49’ Ragnacci (m); 65’ Galoni (m); 71’ Gervasi (m), Campo (t); 76’ Galoni (m), Campo (t); 80’ Santillo (m), Campo (t).

 

Maurizio D’Eramo

,