SETTE GIORNI AD ANZIO -CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ (Digest dal 5 all’11 febbraio 2019)

SETTE GIORNI AD ANZIO -CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ (Digest dal 5 all’11 febbraio 2019)

5 febbraio –  Nella seduta del Consiglio Comunale si è dibattuto sui Debiti fuori bilancio, tutti legati alle attività della precedente amministrazione, che sono stati dibattuti ed approvati da quasi tutti i consiglieri sia di maggioranza che di opposizione; a votare contro il Movimento 5 stelle e le due consigliere del PD, Anna Marracino e Lina Giannino, che hanno fatto presente che i pareri sui debiti, non sono stati consegnati in tempo utile per la consultazione, come prevede il regolamento.

A scatenare le polemiche che sono nate a margine della votazione, sono state due interventi, quello di Rita Pollastrini (M5S) e di Flavio Vasoli, quest’ultimo un consigliere della maggioranza, che hanno criticato il modo di creare debiti fuori bilancio come è accaduto nella precedente consigliatura.

Ai due ha replicato seccamente Marco Maranesi, esponente di maggioranza anche nel passato consiglio che ha replicato:  “La precedente giunta non ha rubato nulla. Molti dei debiti che stiamo approvando oggi non sono debiti fuori bilancio ma sono spese programmate che gli uffici non hanno pagato. Non ci sono da fare illazioni sulla politica perché qui nessuno ha rubato una lira, se avete notizie di altro tipo fate denunce. Qui” -ha proseguito il Maranesi-  “ci sono le manchevolezze degli uffici, che non hanno dato seguito alle indicazioni e voglio fare presente che tutto quello che approviamo qui oggi è all’attenzione della Corte dei conti che, se ci sono responsabilità, le dovrà individuare”.

Sempre sui debiti fuori bilancio si era espresso sul suo blog anche il giornalista Giovanni Del Giaccio, ex consigliere, che ha scritto a riguardo: “Questi debiti e il modo con il quale sono stati fatti – nella maggioranza dei casi al di fuori delle previsioni dell’articolo 191 del testo unico degli enti locali – lo dicono chiaramente. E dicono che c’è parte della “macchina” che si è prestata, forse per l’eccessiva invadenza della politica. O forse no. Vediamolo qualcuno di questi debiti, allora… Una cena in pizzeria può costarci 5000 euro, ad esempio? A tanto ammonta il debito, dopo che si era concordato con l’allora assessore Succi per 36 persone a 12 euro ciascuna, se ne presentarono 50, presero anche degli extra e in Comune qualcuno fece notare che i patti non erano quelli e non pagò. Che fa? Dall’originaria fattura di 944 euro siamo arrivati a oltre cinque volte tanto… E l’allora assessore è – oggi con l’Udc – ancora uno dei protagonisti della vita politica di Anzio”

Ma l’indignazione di Del Giaccio non si ferma a questo caso e ne illustra un’altra mezza dozzina, in cui bene o male rientrano molti politici di ‘allora’, che purtroppo sono gli stessi si ‘oggi’.

“Altri debiti fuori bilancio, comunque, sono in arrivo.” -conclude il giornalista- “Già in Comune, pronto a certificare che la gestione non è stata così eccelsa, c’è chi li ha creati, non se n’è accorto o ha fatto finta di non accorgersene quando era teoricamente opposizione (votando comunque gli ultimi bilanci), chi ci diceva che questo è un Comune dove tutto funziona e magari cercava funzionari “allineati” o da tenere “in cassaforte”.

Bene o male sono tutti lì, i protagonisti politici di questo sfascio. Legittimamente eletti, ci mancherebbe, ma anche responsabili di una situazione che non è quella che vorrebbero farci credere”

E tutto questo mentre l’Assessore al Bilancio, Patrimonio e Tributi del Comune di Anzio, Eugenio Ruggiero, diceva pubblicamente che: “L’approvazione delle delibere dei debiti fuori bilancio era un atto dovuto ma, nonostante questo, con la rinegoziazione del debito, siamo riusciti a far risparmiare al nostro Ente circa 80.000 euro che potranno essere investiti a vantaggio dei cittadini”.

 

5 febbraio – Nel corso del consiglio comunale, è stato approvato anche uno schema di convenzione per la gestione in forma associata della ‘Centrale Unica di Committenza’, tra i Comuni di Anzio e Nettuno, che consentirà all’Amministrazione anziate di avviare le procedure di gara per tornare ad investire sul territorio comunale.

Ringrazio per la positiva collaborazione il Commissario del Comune di Nettuno, Bruno Strati” -ha dichiarato il Sindaco De Angelis- “con il quale abbiamo sempre lavorato in totale sinergia. Nei prossimi mesi, alla nuova Amministrazione di Nettuno, proporremo un gemellaggio simbolico per iniziare a ragionare, insieme, come un unico territorio, su diversi servizi a vantaggio delle due Città”.

 

5 febbraio – La seduta del Consiglio comunale è servita anche per dare il via formale dall’atto di separazione tra i consiglieri del PD, un vero e proprio divorzio di idee che era nell’aria già da diverso tempo.

Lina Giannino, infatti, ha ‘disconosciuto’ pubblicamente Anna Marracino da capo gruppo, creando lei stessa un gruppo autonomo che si riconosce nella nuova corrente del PD, ‘Piazza Grande’, facendo capire che le scelte dell’altra consigliera sembrano portarla verso una ‘linea da maggioranza’.

In una nota, la Giannino spiega le sue motivazioni: “Come tutti siete a conoscenza la mia nomina in consiglio comunale è avvenuta successivamente alle dimissioni presentate dal consigliere Del Giaccio. Al mio subentro, la situazione della nomina del capogruppo del mio partito, di fatto era già avvenuta. In realtà il mio capogruppo non è stato votato da me, bensì dal mio predecessore. Mi sarei aspettata quanto meno una richiesta di accettazione da parte mia che non è arrivata mai.(…) Andando avanti nel tempo, ho potuto notare che anche la linea politica divergeva in molti punti e che le nostre posizioni si stavano allontanando sempre di più. Pertanto, essendo la nomina del capogruppo affidata ai consiglieri, e non al partito, e non avendo io votato la consigliera Marracino come mio capogruppo, da questo momento non la riconosco più in questo ruolo. Ora, essendo il gruppo consiliare Pd formato da due soli consiglieri i due voti si equivalgono. Alla luce di tali riflessioni annuncio di formare in questa assise  il gruppo il gruppo di Piazza Grande all’interno del mio partito, il Pd”.

Le polemiche non si sono attenuate nei giorni susseguenti, anzi… una nota del PD, a firma del Segretario Federici, ha rivolto polemicamente alcune domande alla Consigliera “a distanza, visto che da moltissimo tempo non abbiamo l’onore di poterci confrontare direttamente con l’interessato, data la sua totale assenza partecipativa alla vita politica del nostro. 

Perchè il consiglio comunale?  Perché durante la discussione per l’approvazione dei debiti fuori bilancio, distraendo l’attenzione dall’azione amministrativa? Perchè trasferire in quella sede la polemica di un dibattito congressuale interno? Forse pensa di rappresentare in consiglio comunale questa area congressuale? Ci risulta che i rappresentati consiglieri dei gruppi siano quelli legittimamente eletti dai cittadini nelle ultime elezioni. A nessuno è consentito l’utilizzo divisivo e strumentale di una mozione congressuale nazionale”

La nota si conclude duramente con: “finché rivendica questa sua appartenenza in consiglio comunale sarà rappresentata dalla capogruppo consigliera Marracino legittimamente eletta. Lei continui pure a dissentire”.

 

6 febbraio – E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale V^ Serie Speciale – Contratti Pubblici n. 16 del 6/2/2019 il Bando di Gara a procedura aperta, ai sensi degli artt. 60 e 114 e ss. del D. Lgs. n. 50/2016 per l’affidamento dell’appalto per l’esecuzione dei lavori per l’“adeguamento Darsena Nord del Marina di Capo d’Anzio” (fase II del progetto relativo all’ampliamento del Porto Turistico di Anzio).
La Gara che ha come oggetto la riqualificazione e l’adeguamento della Darsena Nord del Porto di Anzio, consentirà il completo ammodernamento dell’attuale bacino portuale con la creazione di nuove banchine e pontili galleggianti e relativi servizi per imbarcazioni e navi da diporto, nella parte più estrema della darsena, compresa tra la diga di sottoflutto e il braccio che delimita la Darsena Pamphili.

In base a questi lavori si potenzierà anche la parte sportivo velistica del bacino, con la creazione di nuove aree di ormeggio a terra ed in acqua e di un vero e proprio “regatta centre”. Il nuovo piano degli ormeggi prevede un totale di quasi 600 posti barca fino a 50 mt, completi di posti auto, servizi igienici, isole ecologiche e punti di assistenza.

6 febbraio Si è iniziato con la presentazione ad operatori turistici e commercianti, presso il Museo Civico Archeologico di Anzio, il corso ‘Archeologia e turismo 2019′ che durerà per tutto l’anno solare e avrà l’obiettivo di informare e formare le categorie interessate. Alla cerimonia inaugurale, oltre al responsabile del Museo stesso, Giusy Canzoneri, e ai ‘tutor’, era presente anche lo storico Clemente Marigliani che ha mostrato, attraverso l’uso delle slide, una serie di immagini di diversi edifici della città neroniana, ognuno con la sua particolarità e con la sua struttura architettonica.

Tema del corso, è il tentativo di contribuire concretamente a preservare le tradizioni locali e sviluppare le realtà economiche di Anzio. Questo progetto di formazione, come detto, è rivolto agli operatori turistici e agli esercenti commerciali con l’intento di formarli e creare premesse adeguate affinché possano formulare una corretta promozione turistica, in modo da creare quella giusta combinazione tra turismo e patrimonio archeologico e di promuoverlo per tutto il periodo dell’anno e non solo in estate

7 febbraio  – Si è tenuta quest’oggi, presso il locale ‘Cippa Lippa’ di Lavinio mare, una riunione dell’Associazione dei Commercianti di Lavinio e dell’associazione culturale e ricreativa “Lavinio Sotto le Stelle”, che hanno presentato una serie di progetti ed iniziative per la riqualificazione di Lavinio, alla presenza del Sindaco De angelis che ha voluto partecipare alla riunione.

Per gli eventi di carattere culturale, Salvatore Santucci ha esposto una propria iniziativa che verte sull’organizzazione di un evento culturale chiamato “Lavinio si racconta”dove, tramite immagini storiche di Lavinio proiettate su diversi edifici del centro ed un maxi schermo, una voce narrante oltre a raccontare ciò che viene riprodotto, narrerebbe anche la storia del quartiere. Unicamente a questa iniziativa, il regista teatrale ha proposto anche l’istituzione di un tour con autobus scoperto che, con partenza da Lido dei Pini, giunga sino a Tor Caldara con a bordo una guida che illustri le bellezze storiche e naturalistiche della cittadina, concludendo il suo intervento con l’invito agli stabilimenti balneari a sviluppare iniziative serali per coinvolgere i villeggianti anche con eventi teatrali.

Altri convenuti hanno proposto altre iniziative, come i dirigenti dell’associazione sportiva ‘In moto per passione’, che hanno presentato il proprio progetto a cui stanno lavorando in collaborazione con la protezione civile di Aprilia e l’associazione “Lavinio sotto le Stelle”, ossia quello di acquistare un taxi per  un servizio gratuito di trasporto rivolto ad anziani e persone disagiate che necessitano di spostamenti per cure e visite mediche.

‘Taxi solidale’, nelle intenzioni dell’associazione, sarà finanziato da donazioni private, e a tal proposito sono stati invitati tutti i numerosi presenti alla cena di beneficenza organizzata per sabato 2 marzo presso il ristorante GioDì (ex Foschini Village) via Nettunense 375.

Sono state,  inoltre presentate iniziative di carattere più ricreative dai mercatini ad eventi musicali con particolare riguardo a giochi e spettacoli per i più piccoli.

 

7 febbraio – Nella nota apparsa sul suo profilo Facebook, il Consigliere di ‘Alternativa per Anzio’, Luca Brignone, scrive a riguardo della questione Biogas dibattuta in Comune: “In campagna elettorale tutti ci hanno speculato sopra e preso voti, poi la prima volta che la questione degli impianti di trattamento dei rifiuti arriva in Consiglio Comunale, tutti spariscono. La maggioranza, che doveva andare dall’ONU, vota contro: mentre aspettiamo la richiesta di revisione dell’AIA annunciata in commissione speciale mesi fa, l’impianto di Via della Spadellata è prossimo all’apertura ed Ecotransport ad un passo dall’essere approvato. Tutti gli altri, dai rivoluzionari rossi “veri” alle magliette gialle rappresentanti i “cittadini”, non pervenuti. In una sala consigliare vuota, la mozione rifiuti viene respinta e nessuno ne parla. Questa città non se lo merita”.

Sentiti chiamati in carica, i vertici di RPC hanno immediatamente replicato a Brignone con una loro nota, altrettanto polemica: “Magari ci sbagliamo, ma si rendono conto quelli di Alternativa per Anzio che tali parole sembrano mostrare sia la pochezza politica che l’arroganza di chi, inginocchiandosi innanzi ai potenti, alza la voce verso tutti gli altri? Secondo Brignone infatti, i ‘i veri rivoluzionari’ rossi, cioè i militanti comunisti, non si sarebbero impegnati a sufficienza per impedire la costruzione di ben tre impianti di trattamento rifiuti nell’area di Padiglione. Inoltre, se la maggioranza anziate boccia un Odg presentato da Brignone insieme ad altri in consiglio comunale, la colpa è magicamente  di chi ne sta fuori; senza considerare che quell’Odg lo aveva appoggiato anche il Prc. Insomma pare che a sinistra Alternativa per Anzio abbia sempre bisogno di facili capri espiatori contro cui sfogare la rabbia per le sconfitte subite, come per occultare l’impotenza politica ai quali la lista civica si è condannata per inseguire una poltrona a tutti i costi. Quando invece ci sarebbe bisogno di rinforzare una strategia di lotta comune che rovesci la terribile e degradata situazione politica e sociale della nostra città, ponendo le basi per una reale mobilitazione popolare, senza scorciatoie elettoralistiche. Brignone poi omette di riferire il motivo per cui non è stata inviata tramite PEC la richiesta di consiglio comunale straordinario sugli impianti per i rifiuti che anche Rifondazione aveva chiesto e per cui erano state raccolte le firme dei consiglieri comunali. Forse gli amici 5 Stelle che pure avevano firmato hanno cambiato idea?

La nota a firma del Segretario Umberto Spallotta, si conclude in questo modo: “La mozione è respinta e ‘nessuno ne parla’? E chi ne dovrebbe parlare se non l’opposizione? Dove sono le manifestazioni i convegni le lotte alle quali questa opposizione ci chiama tutti i giorni e alle quali noi Comunisti saremmo assenti? Al ridicolo non sembra esserci mai fine. Si smetta di fare polemica strumentale e si lotti seriamente per far divenire i temi ambientali, sociali ed economici questioni di massa e non una materia che solo pochi eletti capiscono e che è estraneo alla maggioranza dei cittadini. Noi facciamo la nostra parte e domenica saremo in piazza”.

 

8  febbraio – Per due giorni, a partire dalle 19 di venerdì 8 febbraio alla 14 di sabato 9 febbraio, è stata chiuso al traffico ‘per tutte le categorie di utenti, per esecuzione di lavori rifacimento manto stradale Ponte Palmolive’, il ponte che da Via delle Cinque Miglia, pone in comunicazione la Via Nettunense. I lavori che sono stati disposti dalla Città metropolitana di Roma Capitale, con l’Ordinanza n. 2 del 6 febbraio 2019, hanno finalmente risolto l’annoso problema delle buche e dell’asfalto rovinato su un tratto di strada molto trafficato, nella speranza che oltre all’asfalto vengano poste le giuste attenzioni sulla tenuta strutturale del ponte, soprattutto per il fatto che ogni giorno è percorso da decine e decine di automezzi pesanti che fanno la spola da e per l’impianto industriale della Palmolive-Colgate.

L’assessore ai Lavori Pubblici, Pino Ranucci, ha voluto espressamente ringraziare L’Area Metropolitana “per l’impegno profuso sul territorio di Anzio che ben risponde all’impegno messo in campo dalla nostra Amministrazione per risolvere il problema delle buche e della sicurezza viaria. Con uno sforzo di non poco conto l’amministrazione De Angelis sta investendo sulle strade e chi ci da una mano per ottenere risultati sempre migliori nell’interesse dei cittadini è il benvenuto”.

 

10 febbraio – Per la seconda volta nel giro di due settimane il giovanissimo Nicolae Cristian Stoian, ha giocato come titolare nella formazione della nazionale azzurra che è stata impegnata al Sei Nazione under 20. L’atleta, facente parte del l’Accademia Federale della FIr, è cresciuto tra le file del Rugby anzio Club, a cui appartiene ancora il cartellino.

Nella prima delle due partite la formazione di Fabio Roselli ha battuto, in trasferta, a Galashiels la Scozia per 32 a 22, mentre nella seconda, a Mantova ha dovuto cedere ai forissimi gallesi per 42 a 12. In entrambe le occasioni Stoian è stato schierato titolare in seconda linea.

 

10 febbraio – Arriva con molti giorni di ritardo la nota stampa del Gruppo Consiliare della Lega di Anzio, che commenta il passaggio della Consigliera Cinzia Galasso dalle proprie file elettorali (dove era stata eletta) a quelle di Fratelli d’Italia.

“Con riferimento alle dichiarazioni rese nel post pubblicato su Facebook dal consigliere Cinzia Galasso in data primo febbraio” -si legge nella nota- “e riportate da alcuni giornali locali, siamo costretti a rappresentare che la stessa, attraverso una ricostruzione fantasiosa, falsa e fuorviante, ha leso la nostra dignità con evidente scopo di denigrare la nostra immagine personale e istituzionale. Trattasi di affermazioni false e tendenziose”

Si legge ancora nella nota: “Invero come è noto il motivo scatenante il malessere del consigliere è stata la sua mancata scelta quale Presidente del consiglio. Inoltre è d’obbligo evidenziare che il consigliere Galasso si è avvicinata al gruppo Fratelli d’Italia già da alcuni mesi. Non accettiamo la morale da chi non ha votato il Bilancio venendo meno al senso di responsabilità nei confronti della città”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

, , , , , , , , , ,