SETTE GIORNI AD ANZIO -CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ (Digest dal 4 al 10 novembre)

SETTE GIORNI AD ANZIO -CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ (Digest dal 4 al 10 novembre)

Venerdi 4 novembre – E’ stata proprio Chiara Di Fede, portavoce del Comitato di Quartiere Coordinamento Autonomo Zodiaco-Saturno, a comunicare alla stampa di aver ricevuto la risposta da parte della Segretaria Generale Marina Inches, riguardo il problema sollevato dal CdQ sull’esistenza o meno ad Anzio, di un ‘Piano di Emergenza per il rischio sismico’.

Gentile Dott.ssa Di Fede- si legge nella nota della Segreteria del Comune–  In merito alla sua mail sull’argomento ‘protezione civile’, le comunico che il Comune di Anzio sta procedendo all’attivazione di un progetto con la Provincia di Roma per la realizzazione di un Piano Emergenza. Tale progetto sarà portato all’attenzione del Consiglio Comunale per l’approvazione. Cordialmente Marina Inches”

Siamo lieti come comitato  -è stato il commento conclusivo della Portavoce del CdQ- che il nostro quesito abbia sollevato l’attenzione su un aspetto estremamente importante per la prevenzione e per la sicurezza dei cittadini ed abbia sollecitato ulteriormente l’amministrazione comunale ad attivarsi per dotarsi di Piano Emergenza Comunale“.

 

Venerdi 4 novembre – La celebrazione per la Festa del 4 novembre è stata tenuta, questa mattina,  in Piazza Garibaldi; non presenti il Sindaco Bruschini e il vicesindaco Zucchini,  a fare gli onori di casa, da parte dell’Amministrazione anziate e a deporre la corona ai piedi del monumento ai caduti, è stato chiamato l’assessore all’urbanistica Sebestiano Attoni, accompagnato dal Sindaco di Nettuno Casto.

Alla cerimonia hanno partecipato anche i vertici delle Forze armate e, per la parte musicale, la Banda Città di Anzio e la Corale Polifonica Città di Anzio.

4 NOVEMBRE

Dopo una preghiera ai caduti, letta da Padre Francesco Trani, si è avuto l’intervento dell’Assessore Attoni.

Oggi Celebriamo” -ha esordito Attoni- il novantottesimo anniversario dell’Unità Nazionale, giorno dell’Armistizio della Prima Guerra Mondiale che riportò all’Italia Trento e Trieste, rendendo compiuta l’Unità Nazionale… celebriamo il compimento del glorioso Risorgimento Italiano e l’Integrità della nostra Nazione. Ricordare sempre quanti hanno sacrificato la propria vita per la Patria e per l’Unità della nostra Nazione, deve essere un nostro preciso dovere morale.

Poi ricordando che il 4 novembre è anche la Festa delle nostre Forze Armate, che sono parte integrante del Nazione, impegnate sul territorio nazionale non solo in difesa della nostra sicurezza, ma anche come in questo momento, in aiuto delle popolazione martoriate dal terremoto, ha precisato: “Da questa Piazza, la Città di Anzio esprime la sua sentita vicinanza ai cittadini dell’Italia centrale per il dramma che stanno vivendo ed è significativo il fatto che proprio oggi, giorno dell’Unità Nazionale, ad Amatrice, città simbolo del sisma, si tiene il concerto della Banda delle Forze Armate, impegnate nel prestare soccorso alla popolazione ma anche a far sentire la presenza dello Stato in quei luoghi. Loro, le Forze Armate, sono la parte migliore della nostra Italia ed il loro attaccamento alla Patria è motivo d’orgoglio per tutti noi, ma anche una garanzia di sicurezza per il futuro della nostra democrazia

 

Venerdi 4 novembre – Il Comune di Anzio, per certi aspetti non trova proprio pace… stavolta parliamo dell’organizzazione interna dei vari uffici amministrativi. E’ notizia odierna, infatti, riportata da tutti i media, che per la terza volta in un anno, sarà riveduta la pianta organica del Comune.

L’amministrazione comunale infatti sta rivedendo la dotazione dell’Ente, e tutti noi speriamo che non si ripetano le problematiche accadute ad agosto quando venne predisposta l’ultima, dalla neo segretaria comunale Marina Inches.

Una riorganizzazione, quella di agosto, che doveva far passare le Aree da due a quattro, con la creazione di 5 nuovi dirigenti e nuove strutture,  che però non è stata mai portata a termine.

Speriamo che questa sia la volta buona.

 

Domenica 6 novembre – Giorgio Boccolini, titolare dei Supermercato Boccolini di via Adua, s’e fatto promotore di una raccolta straordinaria di beni di prima necessità da destinare alle popolazioni di Preci (città natale dello stesso commerciante) e della Valnerina, colpite dal sisma di fine ottobre.

Le donazioni si sono rivelate maggiori di qualsiasi aspettativa, segno evidente che la città di Anzio quando ‘ chiamata alla solidarietà, non si tira mai indietro.

Alla fine, all’originario camion che doveva partire questa mattina per le zone terremotate, se ne sono aggiunti altri quattro, tranta era il materiale arrivato presso il centro di raccolta, grazie anche all’interessamento dello Stefano7baseball, che come al solito ha fatto scattare tutta la sua organizzazione per l’evento.

boccolini supermarket

“Abbiamo deciso di donare –dice Giogio Boccolini– e consegnare in loco alla Croce Rossa e la Protezione Civile generi alimentari suddivisi in pasta di semola, passata di pomodoro, pelati in scatola, biscotti, merendine, caffè, olio, latte a lunga conservazione, acqua minerale, legumi in scatola”. 

Per poi concludere: “Tutta Anzio e tutta Nettuno si sono mobilitate, non sappiamo come ringraziare tutti coloro che ci stanno sostenendo. Al momento i bancali completi, tra generi alimentari e vestiario invernale, sono trentotto, pari a circa 49 quintali di merce. Le previsioni meteo non ci aiutano, speriamo di arrivare in tempo prima che temporali o neve ci precedano. La terra ancora trema e le strade a fine tragitto non sono certo nelle migliori condizioni. Speriamo di non avere inconvenienti o intralci di qualsiasi tipo durante il viaggio”.

 

Domenica 6 novembre – In una nota stampa, il Segretario del PSDI, Paride Tulli ha fatto sapere la sua opinione sulla vicenda che contrappone il Sindaco Bruschini a La7, per il famoso servizio televisivo sulle infiltrazioni mafiose in città.

“La richiesta del sindaco di Anzio  Luciano Bruschini di rivolgersi alla magistratura contabile per danno di immagine contro La7 per la recente trasmissione sulle infiltrazioni mafiose nel comune di Anzio per la modica somma di 5 milioni di euro è del tutto velleitaria e fuori da ogni normativa”.

tulli

Tulli, poi, prosegue: “La sentenza n.8/2015 delle Sezioni riunite della Corte dei Conti ha enunciato il principio che l’art.17 comma 30-ter del DL 78/2009 convertito dalla legge 102/2009, ovvero il danno di immagine è applicabile solo ai reati previsti dall’art.314 e seguenti del codice penale (corruzione, concussione) commessi da dipendenti della pubblica amministrazione nella loro qualifica di pubblici ufficiali. Perciò La7 potrebbe essere denunciata al limite per diffamazione con costituzione di parte civile da parte dell’amministrazione da cui trarre l’eventuale risarcimento. Certo è strano che il sindaco Bruschini, tanto attento all’immagine di Anzio, sia lo stesso che rinunciando alla costituzione di parte civile al processo contro Vincenzo Papadia truffatore decennale da noi ben pagato, abbia veicolato l’idea di un comune bancomat per tutti furbi in circolazione. Oppure perché non denunciare per danno di immagine la Camassambiente responsabile di aver ridotto la città ad una discarica a cielo aperto per tutta stagione estiva con decine di articoli sulla stampa locale e nazionale. E se magari gli stessi cittadini denunciassero gli amministratori per danno di immagine per come sono ridotte strade e marciapiedi del centro storico, ormai inagibili? A meno che non aspettino il 2018 per fare giustizia di una classe politica inetta e incapace“.

 

Domenica 6 novembre – Tredici sono le persone arrestate nelle ultime 48 ore dalla Polizia di Stato tra Anzio e la capitale e che dovranno rispondere dei reati di spaccio di droga e furto.

Tra questi arresti, quello che fa più clamore è quello di una donna di 41 anni, che gli agenti del commissariato Anzio hanno fermato, mentre si trovava in auto, per un semplice controllo, durante il quale però hanno scoperto che la stessa nascondeva nel suo decoltè un contenitore in plastica con all’interno 15 involucri di cocaina.

Nella sua abitazione è stata poi trovata e sequestrata altra droga con numerosi “ritagli”, pronti per il confezionamento.

 

Lunedì 7 novembre – Crisi in seno al gruppo Forza Italia comunale, i due consiglieri Umberto Succi e Pasquale Perronace, infatti, si sono autosospesi dal gruppo politico.

La loro motivazione si comprende leggendo il comunicato che hanno inviato al Presidente del Consiglio Comunale, Sergio Borrelli e al Sindaco Bruschini: “Una decisione assunta in considerazione dell’importanza di ‘riaccendere una forza amministrativa e politica’ che all’interno di Forza Italia e della maggioranza ha perso la sua efficacia e incisività. Ravvisiamo che sia necessaria un’azione propositiva per dare maggiore supporto all’attività del sindaco Luciano Bruschini e della giunta”.

 

Martedì 8 novembre – Alle 17, presso il Forte Sangallo di Nettuno sono state inaugurate le mostre personali di Giulia Ripandelli (59enne romana) e Benal Dikmen (62 anni di Istanbul), vincitrici del secondo e del terzo premio per la V edizione di Shingle22j Biennale d’Arte di Anzio e Nettuno 2015.

locandina-mostre personali

L’evento è l’ultimo atto della Biennale del 2015, promossa dall’associazione culturale 00042, e fa da apripista alla nuova edizione della Biennale, la  VI^ che si svolgerà nel 2017, il cui bando di ammissione al concorso sarà disponibile a partire dal prossimo mese di dicembre.

Le personali ospiteranno un progetto studiato appositamente dalle due artiste per la location medievale.

 

Mercoledì 9 novembre – Arriva un’altra candidatura a sindaco, dopo quelle palesi o meno di Placidi, della Cafà, di De Angelis, di Luigi d’Arpino e di Giovanni Del Giaccio, ecco un altro nome, quello di Pino Ranucci, consigliere comunale d’opposizione, eletto alle ultime amministrative con la lista De Angelis.

Perché no? Mi piacerebbe fare il sindaco, con una lista civica. Rappresento l’antipolitica, visto che quella attuale ci ha deluso”

Poi passa ad illustrare il suo programma: “La prima cosa da fare è risolvere l’emergenza abitativa e curare l’aspetto del sociale. Ci sono tantissime famiglie che vivono nel disagio, che hanno bisogno di lavoro, che non sanno come arrivare a fine mese. A queste persone svantaggiate bisogna pensare, rilanciando l’occupazione, il commercio. Anzio ha bisogno di strutture alberghiere, di centri commerciali, di turismo. E’ qui che bisogna investire. Gli alberghi che abbiamo ad Anzio sono occupati dai richiedenti asilo, e lo chiamano turismo? Le strutture alberghiere di cui disponiamo non sono idonee. Siamo a due passi da Roma e non c’è un hotel con una sala congressi. Fino ad oggi non siamo riusciti a dare risposte. I cittadini sono in cerca di rinnovamento, la vecchia politica deve farsi da parte”.

ranucci

 

Mercoledì 9 novembre – Nella sala consiliare a Villa Sarsina, è stata presentata alla stampa il lavoro finale del progetto Erasmus+Programs. ‘Una pagina di storia moderna con le borse di studio Erasmus.

Nel corso dell’evento sono stati gli stessi studenti, insieme al Consigliere Comunale, Valentina Salsedo, a spiegare, in lingua inglese, la loro esperienza da ricercatori.

, , , , , , , ,