SETTE GIORNI AD ANZIO -CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ (Digest dal 22 al 28 gennaio 2019)

SETTE GIORNI AD ANZIO -CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ (Digest dal 22 al 28 gennaio 2019)

22 GENNAIO – Resta ricoverato in ospedale, abbastanza malmesso il 32enne rapinatore che nella serata del 21 gennaio ha tentato un furto ai danni del Supermercato In’s di Villa Claudia.

L’uomo, con un berretto abbassato sul volto, per non farsi riconoscere, si avvicinato alla cassiera del Supermercato e tirando fuori un coltello da cucina, gli ha intimato di consegnarli l’incasso. Avuto il ‘malloppo’ l’uomo ha cercato la fuga.

La cosa, però non era passata inosservata a 4 ragazzi, tutti minorenni, che si trovavano all’interno dell’attività, che si sono tutti messi all’inseguimento del rapinatore, lanciandogli anche un sasso che colpendolo in pieno, lo ha fatto cadere.

Raggiuntolo, i 4 hanno cominciato a pestarlo di botte, massacrandolo, tanto che i medici dell’ospedale Riuniti, dove è stato poi ricoverato, non hanno sciolto la prognosi a causa di gravi colpi alla testa e al corpo.

I ragazzi rimasti ignoti, perché fuggiti all’arrivo della pattuglia dei Carabinieri,  rischiano una denuncia per lesioni aggravate, in quanto il pestaggio è stato del tutto ‘gratuito’ in quanto l’uomo era stato immobilizzato.

Le forze dell’ordine hanno recuperato il bottino che è stato restituito al negozio derubato.

Il rapinatore di Roma, ma abitante ad Anzio, è stato poi trasferito a Roma per essere sottoposto ad un’operazione di Maxillo Facciale, visto le sue condizioni generali, che fanno pensare anche a delle lesioni interne.

 

22 GENNAIO – Si è tenuta quest’oggi la Commissione Urbanistica dove si è dibattuto il ritiro della delibera lasciata in eredità dalla precedente Amministrazione, sulla situazione della Vignarola.

il Sindaco Candido De Angelis, per voce dell’assessore Gianluca Mazzi ha annunciato che l’amministrazione intende revocare la Delibera di Giunta n.110 del 18/11/2015 con cui si adottava il Piano per il Parco Puccini, che prevedeva la spalmatura dell’originaria costruzione, in 4 disseminate su tutta l’area, misura che avrebbe compromesso la possibilità, come cercano di fare da anni gli ambientalisti,  di annettere a Tor Caldara la riserva della Vignarola.

Mazzi ha anche polemizzato con l’opposizione che non credeva possibile che il sindaco De Angelis mantenesse quanto promesso in campagna elettorale.

Mi dispiace che l’opposizione in questi mesi abbia polemizzato duramente e speso tante parole critiche, nonostante l’impegno di candido De Angelis per la salvaguardia della zona fosse noto fin dal 2004”. Subito dopo l’Assessore ha consegnato a tutti i presenti una lettera dell’allora Sindaco De Angelis alla Regione Lazio, con cui chiedeva di ampliare la Riserva naturale di Tor Caldara inserendo la Tenuta Puccini o Vignarola.

Terminata la Commissione, Alternativa per Anzio, per voce del suo Consigliere Luca Brignone, ha scritto: “siamo cautamente ottimisti sul ritiro della delibera lasciata in eredità all’attuale amministrazione, da quella precedente. Infatti la maggioranza ha dichiarato in commissione di essere pronta al ritiro. Sperando che ciò avvenga, Alternativa per Anzio, porterà ugualmente in assise, insieme alle altre realtà firmatarie la mozione sulla Vignarola che era in programma. Questo perché” -continua Brignone-  “crediamo che il dibattito sia una cosa utile ai fini di una corretta informazione della cittadinanza. Ci auguriamo che all’interno della maggioranza non persistano malumori o posizioni contrastanti riguardo il ritiro della delibera che significherebbe la distruzione dell’integrità dell’ultima area verde del territorio di Anzio”.

 

22 GENNAIO – Teatrino non proprio bello da vedersi quello che si è svolto, al margine della Commissione di cui sopra, tra il consigliere comunale del Pd Lina Giannino e l’ex Segretario Gianni De Micheli.

Durante la commissione, in cui l’ex segretario del Pd si era accreditato come esterno uditore, sembrerebbe che ogni qualvolta la consigliera Giannino, prendeva la parola, egli borbottava di  malumore.

Alla fine, da quanto riferito dai presenti, la Giannino non ha resistito più, chiedendo a quale titolo l’altro fosse presente alla Commissione. Ne è nata una discussione molto furiosa, subito sedata dal consigliere pentastellato Guain.

L’episodio ha fatto tornare d’attualità un certo nervosismo e una frattura all’interno del PD anziate.

Sull’accreditamento di De Micheli c’è chi ha chiesto una verifica per capire se rispetta il regolamento del Comune sulle Commissioni.

 

22 GENNAIO Nonostante le condizioni meteorologiche incerte, c’è stata una buona affluenza di pubblico a prendere parte ai festeggiamenti del 75° anniversario dello Sbarco, a cui hanno partecipato anche molte autorità sia locali che nazionali, che (come nel caso del sindaco di Bad Pyrmont, Klause Blome) internazionali.

Oltre all’ex  sindaco Bruschini, erano presenti in Piazza Garibaldi anche il Commissario Prefettizio di Nettuno, Bruno Strati, gli assessori Laura Nolfi e Valentina Salsedo, oltre al Capo di Stato Maggiore della Difesa, Enzo Vecciarelli.

Oggi siamo qui” -ha detto il Sindaco De Angelis, durante il discorso ufficiale- “per ricordare e commemorare questa data importante per la nostra città . Voglio dare un abbraccio affettuoso alle autorità militari e civili, alla Corale, alle scuole, alle associazioni combattentistiche, a tutti i sindaci, a tutti quanti i cittadini. Un abbraccio affettuoso voglio darlo in particolare al commissario di Nettuno Bruno Strati che oggi nel suo emozionante e commovente discorso ha ricordato la fratellanza che esiste tra le nostre città. Una fratellanza fatta di sostanza, di sofferenza, di destino comune. Prima abbiamo letto la motivazione con cui nel 2004 il presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi ha conferito la medaglia al merito civile ad entrambi le città, io ricordo sempre a me stesso che quello è stato il più bel giorno della mia esperienza da sindaco, è stato il giorno più bello e commovente perché in quelle parole erano piene di sostanza, piene di sofferenza e di morte dei nostri concittadini che hanno perso la propria vita, che hanno perso la casa e sono dovuti evacuare dalla nostra città. Chi non ha sentito che quelli della mia generazione o quelli della generazione ancora prima, la parola sfollamento nel lessico naturale delle nostre case i miei genitori, i miei nonni e quelli di tutti ricordavano la guerra”.

Per poi concludere dicendo: “I cittadini che sono ritornati dopo la guerra e dallo sfollamento, hanno ritrovato la città distrutta e l’hanno ricostruita per riconsegnarcela nella bellezza di cui tutti noi conosciamo e nell’amore che tutti noi proviamo per essa. Questo è per ricordare i tantissimi giovani che sono sbarcati qui ad Anzio e a Nettuno. Non ci interessano più queste squallide e sterili semi polemiche campanellistiche, lo sbarco riguarda tutte e due città. Dobbiamo commemorare, la commemorazione significa due comunità fraterne, Anzio e Nettuno, è questo che dobbiamo commemorare e ringraziare i ragazzi che sono sbarcati e morti qui. Non dobbiamo dimenticare che oggi è la giornata della pace, noi tramandare ai nostri giovani il calore della pace”.  

 

22 GENNAIO – A margine dei festeggiamenti e della commemorazione che si svolgeva a Piazza Garibaldi, nel vicino Largo Bragaglia, i presidenti del Comitato del Monumento al Pescatore, Salvatore e Ciro Spina,  hanno depositato un cuscino di fiori ai piedi del “Monumento al Pescatore”, per ricordare tutti quei pescatori vittime degli ordigni bellici, disseminati davanti la nostra costa, durante la seconda Guerra Mondiale.

Pescatori che per lavorare e portare sostentamento alle loro famiglie” –hanno motivato l’evento, nel loro discorso i due presidenti- “non hanno più fatto ritorno nelle loro case. Di molti non sono stati più ritrovati neanche i corpi e questo Monumento li rappresenta tutti, a dimostrazione che questi uomini sono sempre nelle nostre menti e nei nostri cuori”.

 

27 GENNAIO  – In una nota stampa di i Consiglieri Mariateresa Russo del M5S e Luca Brignone di Alternativa per Anzio, hanno chiesto di superare lo stallo che esiste, per quanto riguarda i Regolamenti, nella Commissione Ambiente

Ad inizio consiliatura in Commissione ambiente, la maggioranza, supportata dall’assessore Fontana” -si legge nella nota- “ci ha illustrato l’urgenza di portare avanti la revisione di alcuni regolamenti cittadini e la redazione di altri. Relativamente a questo non possiamo non notare che i lavori di Commissione sono in completo stallo. Il regolamento compostaggio è praticamente finito, corredato anche di parere della dirigenza, ma non è stato nè votato nè portato in Consiglio. I lavori per gli altri regolamenti non sono nemmeno cominciati. Questo, unitamente allo stato di sofferenza dei territori per l’abbandono dei rifiuti e le evidenti, drammatiche inadempienze della ditta che gestisce la raccolta, ci ha spinto come Opposizione a richiedere convocazione della commissione ambiente e la ripresa in tempi celeri dei lavori”.

   

27 GENNAIO  – Da tempo sia i pescatori che la Capitaneria di Porto segnalano un intervento urgente di escavo del canale di accesso al bacino portuale, che risulta insabbiato.

A questo punto il Sindaco De Angelis ha inviato una lettera alla società Capo d’Anzio e alla Regione Lazio per chiedere un intervento urgente, per ripristinare la sicurezza dei fondali durante le manovre di accesso e uscita dal bacino portuale.

Secondo quanto fanno sapere dal Palazzo Comunale e dalla Capitaneria, le richieste di intervento alla Regione Lazio, sono state in questi mesi tante, e sembra incredibile che si ritardano degli interventi di ripristino per evitare ulteriori  disagi e pericoli ai pescatori.

 

28 GENNAIO  –  Bruno Parente, per anni responsabile dell’Ufficio Comunicazione del Comune, che qualche settimana fa era stato trasferito al Settore Cultura, grazie al lavoro di mediazione della Dirigente Santaniello, tra lo stesso Parente e il sindaco De Angelis (alla base del traferimento c’era stato uno screzio tra i due), è stato reintegrato nel suo vecchio ruolo.

28 GENNAIO  –  Il Consigliere del M5S, Rita Pollastrini, ha deciso di entrare anche lei nella diatriba tra i cittadini di Lavinio e il Consorzio di Sant’olivo e Sant’Anastasio, preparando un’interrogazione a risposta scritta, che mira a chiarire il ruolo del Comune nella vicenda.

Il M5S aveva inserito nel suo programma, durante la Campagna Elettorale, di vederci chiaro nella vicenda, anche per venire incontro a tutte quelle persone che si  ritrovano a pagare al Consorzio il relativo tributo, imposto a colpi di cartelle esattoriali, e al tempo stesso a tempo a pagare i tributi comunali che già contengono i costi dei servizi collettivi quali manutenzione strade, illuminazione, fogne ecc.

Da alcuni anni, grazie all’opera mirabile dello scomparso Arch. Giuseppe Nicolò, è nato un Comitato Dissenzienti, per vedersi riconoscere, a livello giudiziario,  il diritto di non subire una doppia tassazione.

Nell’interrogazione si chiederà quali siano i controlli che vengono effettuati sulle somme che il Comune ogni anno eroga al Consorzio? Quale sia il ruolo del Comune nella programmazione dei lavori? E sulla ripartizione del tributo? Perché alcune strade dichiarate dallo stesso Comune di propria competenza sono invece comunque sottoposte al tributo consortile?

 

28 GENNAIO  – Questa mattina, in alcune classi del  IV° e V° Istituto Comprensivo, è entrato in funzione il nuovo sistema di comunicazione delle assenze del Servizio Mense del Comune.

A renderlo noto è lo stesso Assessore alle politiche culturali e delle scuola del Comune di Anzi, Laura Nolfi, che ha comunicato come, grazie anche a questa novità, sarà possibile ridurre a “2,54 euro, a pasto completo, il costo massimo sostenuto dalle famiglie a prescindere dal Comune di residenza”.

Infatti, come ha precisato l’Assessore: “Con la recente approvazione del bilancio di previsione 2019-2021, l’Amministrazione Comunale di Anzio ha confermato la tariffa agevolata già in vigore per i residenti ed ha introdotto, dal mese di gennaio 2019, la riduzione della tariffa del servizio per gli alunni non residenti, equiparandola a quella massima prevista per i residenti, pari ad euro 2,54 a pasto, invece di 4,77 euro”.

Da lunedì 28 gennaio, si passerà dalla rilevazione quotidiana delle presenze alla comunicazione delle assenze dei bambini, effettuata direttamente dalle famiglie, con una semplice telefonata gratuita (tra le 15 del giorno precedente l’assenza e le 9 del giorno dell’assenza).

“Il nuovo sistema – scrive l’Assessore Nolfi nella comunicazione alle famiglie – renderà più veloce la rilevazione delle assenze dei bambini. La comunicazione dell’assenza, eseguita direttamente dal genitore, attraverso una semplice telefonata gratuita, consentirà al sistema di contabilizzare esclusivamente i pasti consumati”.

, , , , ,