PREMIO ANFITRITE DI POESIA A NETTUNO

PREMIO ANFITRITE DI POESIA A NETTUNO

Serata d’eccezione al Forte Sangallo per la cerimonia di premiazione della prima edizione del AN A concorso di poesia inedita ideato dal Sindaco Angelo Casto per rendere un omaggio originale e importante alla cultura e ad una delle forme letterarie più artistiche e pregevoli che per la prima volta trova a Nettuno riconoscimento e spazio dentro un’iniziativa di questo tipo. Intorno al tema “Il Blu” si sono cimentati 38 poeti fra categoria giovani e senior; la serata è stata piacevole e ricca di spessore culturale oltre che di soddisfazione in particolare per i premiati dal Sindaco alla presenza della giuria (presieduta da padre Giovanni Alberti e composta da Sandro Vaggi, Ugo Magnanti, Paolo di Paolo e Tommaso Amato), dei Poeti de Borgo e dell’ospite d’onore, la poetessa e scrittrice brasiliana Marcia Theophilo, candidata già in passato all’Oscar della letteratura e testimonial Unesco e WWF per il suo impegno sull’Amazzonia, la vita delle popolazioni Indio dell’America Latina e per la tutela di molte questioni di alto interesse civico nel suo paese, rappresentante in Italia dell’Unione Brasiliana degli scrittori.

Davanti ad un pubblico attento e partecipe, che anche stasera ha scelto un evento proposto dal Comune di Nettuno, sono stati proclamati i vincitori delle due categorie le cui poesie sono state declamate al pubblico; per i giovani, a ricevere l’onore del primo premio è stata Irene Schiesaro, laureanda in fisica che è salita sul palco emozionata della vittoria; secondo classificato Alex Afilani (assente alla serata) e la terza classificata Vanessa Lalli: rispettivamente hanno ricevuto dal Comune di Nettuno un riconoscimento economico di 500 euro, 300 euro e 200 euro oltre all’attestato di premiazione.

Per i senior, vincitrice è stata Francesca Gentili che vedrà la propria poesia posta su una stele che troverà allocazione presso un palazzo di rilevanza storica per la città, seguita da Marcello Bartoli e Stefano Cona (assente alla serata).