“LA PAGINA DELLE BACCANTI – Rubrica di informazione teatrale locale – INAUGURATA LA RASSEGNA TEATRALE ‘IN PROGETTO’, SI PROSEGUE CON LO SPETTACOLO  “ROMANAMENTE… TE RACCONTO ROMA”

“LA PAGINA DELLE BACCANTI – Rubrica di informazione teatrale locale – INAUGURATA LA RASSEGNA TEATRALE ‘IN PROGETTO’, SI PROSEGUE CON LO SPETTACOLO “ROMANAMENTE… TE RACCONTO ROMA”

Domenica scorsa, alla Sala consiliare del comune di Nettuno c’erano proprio tutti: le istituzioni, gli organizzatori, la stampa, i rappresentanti delle compagnie partecipanti, gli artisti, i cittadini che numerosi hanno risposto all’appello di “In Progetto” per la presentazione della VI edizione della rassegna “Teatro a Nettuno”.

IN PROGETTO 1

A sostegno della manifestazione, erano presenti il Sindaco dott. Alessio Chiavetta, la dirigente dell’Area servizi sociali, cultura, istruzione e demografici, dott.ssa Rita Dello Cicchi, il neo incaricato Assessore alla cultura dott. Giacomo Menghini, il dott.Gianluca Galieti in rappresentanza del dott. Eugenio Patanè, Presidente della Commissione Cultura della Regione Lazio.

Ad aprire la presentazione è stato un filmato che ha raccontato la produzione dell’associazione nei sette anni di attività. Il pubblico presente ha potuto ripercorrere le tappe salienti di questo viaggio nel tempo, con immagini tratte dagli spettacoli che “In Progetto” ha realizzato portando in scena non soltanto le realtà locali, ma anche artisti di rilievo nel panorama teatrale italiano come Valeria Valeri e Milena Vukotic, Anna Mazzamauro, Grazia Scuccimarra, Antonio Rezza e Flavia Mastrella, Gabriele Lavia.

FOTO IN PROGETTO 2

A seguire, il presidente dell’associazione Roberto Lucci ha dato il benvenuto al pubblico, invitando il sindaco e gli assessori a condividere un intervento molto emozionante in cui si è voluto ricordare una donna tanto cara agli addetti ai lavori della cultura nettunese: l’impiegata dell’Ufficio Cultura Gina Marinelli, recentemente scomparsa.

Roberto ha mostrato ai presenti una locandina della commedia “Don Nicolino fra li guai” in cui il nome di Gina compariva come segretaria di produzione, trovata tra i ricordi del Teatro Stabile di Nettuno, fondato nel 1970 da suo padre Eros.

Un omaggio alla grande sensibilità, alla squisita disponibilità e all’immancabile sorriso di Gina, che fino alla fine hanno accompagnato i progetti teatrali in scena al Forte Sangallo e le attività della Banda Musicale di Nettuno.

IN PROGETTO 3

Il Sindaco ha poi sottolineato l’importanza di realizzare un teatro comunale, prendendo l’impegno di intercedere presso la Regione Lazio perché questo bacino d’utenza non resti orfano di un progetto tanto necessario, al di là di facili promesse che magari poi non si possono mantenere.

A seguire, Elisabetta Bruni ha invitato i registi, gli attori, i musicisti, le compagnie e le associazioni locali a presentare i loro spettacoli. Alcuni di loro hanno creato dei siparietti divertenti per dare un assaggio gustoso per il pubblico di ciò che bolle in pentola.

L’appuntamento dato per la sera stessa al nuovo Teatro Il Girasole di Nettuno ha raccolto un pubblico numeroso e partecipe allo spettacolo di Marco Nica “Varietà per varie età”. Due ore di divertimento puro con gli sketch comici di circa trent’anni della televisione italiana, quando gli artisti come Walter Chiari, Lando Buzzanca, Raimondo Vianello e Sandra Mondaini, Franca Valeri, Lino Banfi, Mario Riva, Aldo e Carlo Giuffrè, Delia Scala, Bice Valori, Massimo Troisi e altri sapevano come far sorridere e intrattenere il pubblico con eleganza e semplicità, dando vita alla grande tradizione della comicità italiana d’autore.

te racconto roma

Il secondo appuntamento della rassegna è per domenica 07 dicembre alle ore 18,00 con un’altro spettacolo che vuole rendere omaggio al passato. Questa volta a fare da protagonista è la “caput mundi”.  “Romanamente… te racconto Roma”, scritto e diretto dall’attrice professionista Elisa Torri, che insieme a Fulvia Lorenzetti porta in scena il fascino della storia popolare della Roma ottocentesca, raccontata dai suoi personaggi più veraci.

Le due attrici, attraverso una carrellata di musiche e testi, poesie e canzoni, ripercorrono situazioni di vita quotidiana, raccontano antichi mestieri, rievocano grandi autori della romanità, da Gioacchino Belli a Gabriella Ferri, sulle note che appartengono alla nostra tradizione, da “Er barcarolo” a “Te possino dà tante cortellate”.

Melodie che ancora oggi risuonano nei nostri ricordi, cantate dalle nostre nonne, quando le donne la mattina aprivano le finestre per fare le loro faccende domestiche e cantavano. Bei tempi quelli, in cui non esisteva la televisione di oggi e tutto era più autentico.

E allora facciamolo questo tuffo in quel passato di cui siamo i custodi! Un passato che ci appartiene perché ce ne arrivano echi dalla memoria dei nostri nonni. Un passato di cui i più anziani provano nostalgia e attraverso la cui rievocazione i più giovani possano tornare a sognare un mondo di valori semplici e autentici.

Non mancate! E  Buon teatro a tutti!

Melissa Regolanti

 

 

 –