‘INVITO AL CINEMA’: NON SPOSATE LE MIE FIGLIE!

‘INVITO AL CINEMA’: NON SPOSATE LE MIE FIGLIE!

Lunedì 1° febbraio, quattordicesimo appuntamento al Cinema Moderno per la XXV^ Rassegna del Cinema d’autore, ‘Invito al Cinema’, organizzato dal CineClub  ‘La dolce vita’,  con il film francese ‘NON SPOSATE LE MIE FIGLIE!’

“Cosa abbiamo mai fatto al Buon Dio?”…per meritare questo…. è quello che si chiede una coppia sessantenne in macchina, una sera al limite della rassegnazione… ed è questo il titolo originale di questo film che meglio della sua traduzione italiana, fa capire la tematica principale della pellicola.

non sposare le mkie figlie

La trama del film ruota intorno alla questione dei matrimoni misti, molto presente in Francia, e all’incontro e alla convivenza, sotto lo stesso tetto, di persone di etnie diverse.

Claude e Marie Verneuil, due coniugi cattolici, borghesi con una bella proprietà ed il sogno di una felice famigliola cattolica., hanno 4 figlie in età da marito.

Le prime tre hanno sposato figli di immigrati: un algerino, un cinese e un ebreo. Sperano quindi che la figlia più piccola scelga un compagno francese e cattolico. Quando la ragazza annuncia ai genitori di volersi sposare con un cattolico, non rivela loro, però, che il fidanzato è un ivoriano, causando un certo disagio nella coppia, ma anche una certa preoccupazione nei cognati.

Infatti, nella grande casa dei Verneuil, le occasioni per ritrovarsi non mancano ma puntualmente, battutine, gaffe ed incomprensioni scatenano diverbi a go-gò e i tre cognati, che  non riescono mai a trovare un benché minimo accordo, sembrano coalizzarsi contro il nuovo ‘intruso’.

Ciò che non si aspettano è che anche il padre dello sposo ha molte riserve riguardo questo matrimonio, ed inevitabilmente va alla rottura con il padre della sposa.

Riusciranno tutti ad appianare differenze, a superare dubbi e pregiudizi?

Come specificato dagli stessi personaggi, il problema sta tutto nel fatto che i genitori della sposa sono, sotto sotto, dei razzisti ma essendo dei borghesi ben pensati non riescano ad ammettere né con loro stessi, né tantomeno con le quattro figlie..

Gran successo in patria nel periodo primavera-estate dell’anno scorso ‘(tanto da fare ai botteghini il miglior incasso del 2014 e il 10° in assoluto di tutti i tempi in Francia) ‘Qu’est-ce qu’on a fait au Bon Dieu?’ o nella sua assurda traduzione ‘Non sposate le mie figlie!’ risulta una commedia degli equivoci e del non detto spassosa e divertente, che non rinuncia ad affrontare il lato più serio e drammatico della questione immigrazione, e che si può in una breve frase, secondo la quale “ognuno è razzista al proprio paese”, rapportandosi al proprio paese, alle proprie origini, al proprio orgoglio nazionale.

 

Scheda film:

NON SPOSATE LE MIE FIGLIE!’

(Francia, 2014)

Commedia, durata: 97 minuti.

Regia: Philippe de Chauveron

Con: Christian Clavier (Claude Verneuil), Chantal Lauby (Marie Verneuil), Ary Abittan (David Benichou), Frederic Chau (Chao Ling), Frederique bBel (Isabelle Verneuil), Edodie Fontan (Laure Verneuil), Medi Sadoun (Rachid Benassem), Noom Diawara (Charles Koffi), Julia Piaton (Odile Verneuil), Emile Caen (Segolene Verneuil)

Data uscita in Italia: 5 febbraio 2015

 

Orario: 16,15 – 18,15 – 20,15

 

,