‘INVITO AL CINEMA’: IL RACCONTO DEI RACCONTI

‘INVITO AL CINEMA’: IL RACCONTO DEI RACCONTI

La ventitreesima pellicola in programma nella rassegna ‘Cinema d’autore’ in programma lunedì 11 aprile al cinema Moderno di Anzio è ‘Il racconto dei racconti’ (Tale of tales), film ad episodi del 2015,  co-scritto, co-prodotto e diretto da Matteo Garrone, al suo primo film in lingua inglese.

Una pellicola particolare, adattamento cinematografico della raccolta di fiabe ‘Lo cunto de li cunti’ di Giambattista Basile, pubblicato nel 1636.

La particolarità del film è che è composto da tre diversi racconti che si intrecciano tra loro: La cervaLa pulce e La vecchia scorticata.

La storia ha come location tre regni vicini e senza tempo,dove vivono nei loro castelli re, regine, principi e principesse e tutta quella variegata ‘umanità’ che sempre si ritrova in tutte le fiabe che si rispettino e che hanno colorato le nostre prime storie di bimbi.

Nel primo racconto ‘la cerva’ i reali di Selvascura tentano da tempo di avere un figlio, ma non vi riescono essendo la regina sterile. Si presenta al loro cospetto uno stregone  che consiglia al re e alla regina un rimedio magico ed efficace per risolvere il problema: la donna dovrà mangiare il cuore di un drago marino che dovrà essere prima cucinato da una vergine. In questo modo entrambe concepiranno all’istante un figlio, ma il re muore dopo essere riemerso col cuore del drago. Il cuore viene cucinato e che, come previsto, regina e serva rimangono incinte.

La storia riprende sedici anni dopo questi eventi…

Nel secondo racconto ‘La pulce’, nel regno di Altomonte la figlia del re, Viola, si diletta in approcci alle attività culturali come la musica e la letteratura sognando un radioso futuro con un suo ideale principe azzurro. Il padre un giorno è infastidito da una pulce e fa per ucciderla, senonché all’ultimo momento si affeziona all’insetto, tanto da cominciare a nutrirlo in segreto con il proprio sangue e a mantenere la sua crescita. La pulce diviene un giorno troppo grossa, da non riuscire più a respirare, e muore. Il re, nel tentativo di superare il lutto, indice un torneo: chiunque indovinerà l’animale da cui proviene la pelle che metterà a disposizione (quella della gigantesca pulce) avrà la mano di sua figlia. Fra sé e sé il sovrano è convinto che nessuno supererà la prova e che Viola rimarrà con lui ancora a lungo.

locandina il racconto dei racconti

Molti pretendenti tentano di risolvere l’indovinello, invano. Giunge alla corte anche un mostruoso orco…

Il terzo racconto è ‘La vecchia scorticata’, ambientato nel regno di Roccaforte dove il re si diletta in volgari orge e divertimenti vari, fino al giorno in cui si innamora perdutamente della voce di una figura femminile incappucciata che ode cantare davanti alla casa del tintore. Il sovrano si dirige davanti alla dimora della ragazza per farle la corte, ignaro che all’interno non vive alcuna ragazza bensì due anziane sorelle, Imma e Dora…

Presentato in gara al Festival di Cannes, ricevette pochi applausi dalla stampa e ben sette minuti dal pubblico, che sembrò accoglierlo con favore.

Dopo essere stato premiato nel 2015 con tre  ‘Nastri d’Argento’ come ‘Miglior scenografia’, ‘Miglior costumi’ e ‘Miglior presa in diretta’ e  al ‘Globo d’oro’ alla migliore sceneggiatura Film’, in questi giorni è candidato a ben 12 David di Donatello che verranno assegnati il prossimo 18 aprile.

SCHEDA FILM:

IL RACCONTO DEI RACCONTI

(Italia, Francia, G B., 2015)

Lingua: inglese

Drammatico, durata  125 minuti

Regia: Mattreo Garrone

Con:  Salma Hayek (regina di Selvascura), John C.Reilly (re di Selvascura), Christian Lees (Elias), Johan Lees (Johan), Toby Jones (re di Altomonte), Bebe Cave (Viola), Guillaume Dalaunay (orco), Vincent Cassel (re di Roccaforte), Shirley Henderson (Imma), Hayley Carmichael (Rora), Stacy Martin (Dora giovane), Kathryn Hunter (strega)

 

Orario: 16,15 – 18,15 – 20,15