Guardia Costiera: week end di controlli lungo le spiagge di Anzio e Nettuno

Guardia Costiera: week end di controlli lungo le spiagge di Anzio e Nettuno

 

Continuano i controlli sulle spiagge di Anzio e Nettuno da parte dei militari della Guardia Costiera di Anzio nell’ambito dell’operazione “mare sicuro”. Anche durante lo scorso week-end il personale della Guardia Costiera Neroniana ha battuto il litorale di giurisdizione per assicurare in mare e sulle spiagge la sicurezza di bagnanti ed utenti del mare in generale. A fronte dei numerosi controlli eseguiti nello specchio di mare antistante i Comuni di Anzio e Nettuno da parte dell’unità CP 859 e GC B89, sono emerse solo alcune irregolarità a carico di due diportisti, entrambi sanzionati in via amministrativa con verbali tra i 100 e 200 €. Il primo è risultato sprovvisto della necessaria documentazione di bordo mentre il secondo è stato “pizzicato” ad effettuare attività di pesca all’interno di un’area ove è presente un impianto di mitilicultura e quindi in violazione di uno specifico divieto previsto da un ordinanza dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Anzio.

controlli spiaggia  (1)Ai diportisti risultati in regola con le dotazioni di bordo ed i documenti sono stati invece rilasciati ed applicati sullo dell’unità i “bollini blu”. Ai controlli via mare si sono aggiunti quelli via terra, presso gli stabilimenti balneari e spiagge libere. Proprio durante uno di questi controlli, nella giornata di venerdì, presso la spiaggia libera del Comune di Anzio, loc. “Grotte di Nerone” i militari di servizio di sono imbattuti in un venditore ambulante, il quale a seguito dei controlli di rito è stato trovato sprovvisto dell’autorizzazione per il commercio su aree demaniali marittime. Di conseguenza, tutto il materiale esposto per la vendita (gonfiabili vari, giochi in plastica, etc.) è stato sottoposto a sequestro amministrativo oltre al carretto utilizzato per il trasporto dello stesso. All’incauto venditore è stata quindi elevata la prevista sanzione amministrativa  di poco superiore ai 1.000 euro.

I controlli di questo tipo continueranno e saranno implementati in vista del periodo più caldo dell’estate, ferragosto. A tutti gli utenti del mare si ricorda il numero blu 1530, il numero delle emergenze in mare, sempre attivo su tutto il territorio nazionale che mette in contatto l’utente con la sala operativa della Capitaneria di Porto più vicina.