SETTE GIORNI AD ANZIO – CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ (Digest n°2 – 12/18 novembre 2014)

SETTE GIORNI AD ANZIO – CRONACA, POLITICA, ATTUALITA’ (Digest n°2 – 12/18 novembre 2014)

12 novembre  – Il Sindaco è tornato finalmente a far sentire la sua voce sulla delicata questione politica di questi ultimi giorni, scaturita dall’opposizione interna di quattro consiglieri di ‘Forza Italia’.

E lo ha fatto con due comunicati stampa. Nel secondo ha espresso la sua piena solidarietà alla Santaniello. “Sono sempre stato garantista” –si legge sul documento – “auspico che, in appello, possa dimostrare la sua innocenza”.

La cosa che hanno notato tutti, però, è che insieme alla Santaniello, sono stati condannati anche altre persone, tra cui l’ex assessore Colarieri, ma per loro nessun messaggio di solidarietà.

Il secondo comunicato inizia con una delle solite frasi ‘alla Bruschini’: “Stiamo lavorando per ritrovare lo spirito unitario che ci ha visto vincere le ultime elezioni amministrative e per superare un momento di difficoltà che considero fisiologico all’interno della coalizione”

Luciano-Bruschini-Anzio

Già da queste battute si capisce che ai ‘venti di crisi’, il Sindaco risponde picche, rimandando al mittente l’idea del ‘resettaggio’ della politica anziate. Infatti Bruschini, nel proseguo del comunicato dice espressamente: “Confido nel senso di responsabilità degli Assessori e dei Consiglieri Comunali: ognuno deve svolgere le proprie funzioni nel rispetto reciproco e nell’interesse dei cittadini. Ho la piena fiducia nell’operato del Vicesindaco Zucchini, del Presidente Borrelli e di tutta la Giunta”. Per poi concludere: “Auspico che questo mio messaggio sia recepito da parte di tutti con la più ampia disponibilità essere una squadra unita e vicina ai cittadini”. 

12 novembre  – Quasi in concomitanza con i comunicati del Sindaco, quasi a voler gettare altra legna sul fuoco delle polemiche, ci si è messo l’ex assessore Italo Colarieti, che s’è recato negli uffici dei Servizi Sociali, dando in escandescenza per la vicenda dell’Hotel Succi che è ancora aperto nonostante ci sia da tempo un’ordinanza di chiusura. La visita sembra riferirsi anche alla presenza nell’hotel di alcuni ospiti provenienti dalla casa di riposo Villa Aurora, che fa riferimento ad una società vicina all’ex assessore. La situazione è degenerata a tal punto che c’è stato bisogno dell’intervento della polizia locale per riportare la calma.

italo colarieti

12 novembre – La replica al Comunicato di Bruschini arriva immediatamente da Maranesi, che  comunica alla stampa: “Le nostre richieste, rese note in un comunicato congiunto, sono chiare – dice Marco Maranesi, capogruppo di Forza Italia – Non ci muoviamo dalle nostre posizioni. Le due funzionarie sono rimaste ai loro posto, è vero, ma non vediamo aria di cambiamento, come era stato da noi espressamente richiesto”.

13 novembre – Finalmente anche il PD di Anzio si fa sentire sulla crisi in Comune…  “E’ l’ultimo atto di una guerra che riguarda gli appalti più importanti gestiti dal Comune”. Così si legge nel comunicato del Partito Democratrico che poi continua dicendo testualmente che i quattro dissidenti “chiedono le dimissioni di alcuni assessori della stessa parte politica, accusandoli senza mezze misure di essere collusi con pratiche clientelari e poco trasparenti, coinvolgendo in questa polemica anche i dirigenti, è solo l’ultimo atto di una guerra che riguarda gli appalti più importanti gestiti dal Comune”.

“Purtroppo il problema” – spiegano dal Pd – “è sempre lo stesso, le casse del Comune, nonostante gli aumenti delle tasse sempre più pesanti, sono vuote e non si riescono a soddisfare tutte le clientele. E’ ora di prendere coscienza di questa situazione, Anzio ha bisogno di un Buon Governo di gente seria che sappia dare un taglio alle clientele, alle inefficienze e agli sprechi, capace di ridurre le Tasse, ormai arrivate a 42 milioni e, garantire servizi efficienti. Il PD invita questi contestatori, qualora siano veramente interessati a cambiare le cose, a firmare una mozione di sfiducia all’amministrazione, che è il solo strumento utile per mandare a casa questa classe politica che tanti danni ha prodotto e, aprire la strada a una nuova stagione per la città”.

13 novembre – Il consigliere di Fratelli d’Italia, Davide Gatti, lancia un appello in cui denuncia una serie di incongruenze tra quanto scritto sul capitolato d’appalto delle mense scolastiche, e quello che in realtà mangiano i bambini, chiedendo che si facciano dei controlli più appurati.

davide gatti

“La mia visita” –ha detto Gatti- “non è stata per contestare gli atti di gara ma solo per ispezionare tutte le schede tecniche relative ai prodotti somministrati nelle mense agli alunni”. Le contestazioni riguardano alcuni prodotti che dovevano essere reperiti dalla ditta vincitrice dell’appalto, nel raggio di filiera di un massimo di 200 chilometri, e che invece provengono –talvolta- persino dall’estero. Così accade per i filetti di Platessa che arriverebbero dal nord-africa, le banane dalla Francia, e il pesce che invece di arrivare da un massimo di 150 Km dalla costa di Anzio, arriva  da… Perugia.

Insomma, in soldoni, la Cooperativa Solidarietà e lavoro che si è aggiudicata l’appalto, l’ha fatto grazie ai 70 punti dell’offerta tecnica, di cui ben 12 si riferivano a ‘approvvigionamento e qualità delle materie prime’. A questo punto bisognerebbe capire con quale criterio sono stati dati questi punti.

13 novembre – C’era da aspettarselo, e alla fine è arrivata… i consiglieri di opposizione di destra, capitanati dall’ex senatore Candido De Angelis, hanno fatto formale richiesta della convocazione di un Consiglio Comunale, per sapere dalla viva voce del Sindaco, cosa stia accadendo in Comune.

de angelis

Si legge nel comunicato che “il sindaco si rivolge ai consiglieri di maggioranza e non alla città, per poi non dire nulla di concreto. Siamo sconcertati da questo tipo di comportamento. Per una comunicazione di questo tipo” – si aggiunge – “sarebbe bastata una riunione di maggioranza. Quello che invece deve fare un Sindaco è spiegare ai cittadini cosa sta accadendo in Comune”.

14 novembre – parla anche la diretta interessata di alcune vicende comunali. L’Assessore alla Pubblica Istruzione e alla cultura, Laura Nolfi, dirama un suo comunicato stampa in cui afferma che “Le notizie riportate dalla stampa non corrispondono alla verità ed il Sindaco Bruschini è a conoscenza di come sono andate le cose rispetto all’utilizzo dell’ufficio di Villa Adele, già utilizzato da tempo dalla sottoscritta come si può evincere dal verbale della Polizia Locale. In questi sedici mesi del mio incarico, credo di aver dato tutta me stessa per attuare il programma amministrativo e per dare risposte alla cittadinanza sulle problematiche riguardanti il mondo della scuola. Non ho scheletri nell’armadio, sono in politica da poco più di un anno, posso peccare di inesperienza ma basta calunnie e falsità sulla mia persona e sulla mia famiglia che, da sempre, vive di duro lavoro quotidiano” – concludendo –“spero  si ritrovi lo spirito che ci ha visto vincere le elezioni e la giusta compattezza per superare questo momento difficile che i cittadini non meritano”.

Duro il commento di Del Giaccio sul suo blog  “E’ vero, i cittadini non meritano quanto sta accadendo. E’ il caso che anziché ritrovare lo spirito unitario che ha fatto vincere le elezioni per poi arrivare a questo punto, la maggioranza tolga il disturbo”

14 novembre – Scoppia la protesta popolare. Dagli e dagli, prima o poi, doveva accadere. L’immondizia ristagnava in strada  da più di dieci giorni, fino a quando, intorno alle 18,00 è esplosa la rivolta. Esasperati e stanchi di una situazione di degrado generalizzata, al Quartiere Zodiaco, i residenti hanno cominciato a sparpagliare i cumuli di immondizia in mezzo alla strada. C’è voluto l’intervento della polizia locale a presidiare l’intera zona durante l’operazione di pulizia straordinaria della via, terminata soltanto poco prima delle ventuno.

Pulizia straordinaria autorizzata dallo stesso dirigente dell’ufficio Ambiente Walter Dell’Accio, arrivato immediatamente sul posto, appena è iniziata la protesta.

Sembrerebbe che prima di lui erano stati chiamati gli assessori Patrizio Placidi e Roberta Cafà, ma nessuno dei due erano stati rintracciati, solo allora si è passati alle vie di fatto, con la protesta dell’immondizia sparsa per strada.

Una provocazione, quella dei cittadini, affinchè –in tale modo- qualcuno si accorgesse anche di loro… visto che l’immondizia non è il solo problema di un quartiere complesso come quello dello Zodiaco, ce ne sono decisamente degli altri, che sembrano non interessare nessuno,  come lo spaccio di droga nelle ore notturne, la prostituzione all’angolo con via Saturno.

A fronte delle tante tasse che paghiamo, ha commentato uno dei residenti, non corrispondono i servizi erogati, concludendo:“Qualcuno ci deve dare delle spiegazioni”.

Forse quel qualcuno sarà l’assessore ai servizi sociali, Roberta Cafà che ha accettato di incontrare la cittadinanza del quartiere presso il circolo anziani, la domenica successiva.

A solidarizzare con i residenti è arrivata anche Chiara Di Fede, amministratrice dell’eco-mappa che nei giorni passati, aveva già inviato al sindaco Bruschini, varie segnalazioni rispetto alla situazione di emergenza a via del Leone.

“Come residenti” –ha commentato la Di Fede- “ci stiamo organizzando per un esposto presso il commissariato per chiedere un pattugliamento di prevenzione e contrasto. Siamo contenti, per adesso, di aver contribuito a questo primo risultato, anche grazie alle foto inserite nell’ultima eco-mappa protocollata. Confidiamo ora nel senso civico dei cittadini, che sono i primi agenti di controllo sociale”.

15 novembre – Sul sito di Controcorrente esce un nuovo articolo di Agostino Gaeta che rilancia la polemica delle operazioni poche pulite in Comune, riguardo gli appalti  “La Ceccarini blocca la prima richiesta di marchetta”. Un articolo duro che in un certo senso enfatizza l’operato dei 4 dissidenti. Il tutto inizierebbe da un atto che sarebbe stato ‘rigettato’ dalla Ceccarini, quello relativo al contratto con la società interinale che aveva assunto la baby-sitter della Santaniello ed i parenti di alcuni consiglieri comunali. Per Gaeta, questo significa che tra qualche giorno il Sindaco si troverà alle prese con dei Consiglieri che andranno a chiedergli la testa della Ceccarini o si aggiungeranno ai ‘quattro dissidenti’.

Sempre secondo Gaeta, il dissenso che stanno facendo Maranesi e Company l’avrebbe dovuta fare l’opposizione, certo non quella di destra, ma il PD si.

Purtroppo il PD, secondo il direttore di ‘Controcorrente’ non è stato capace di fare un salto di qualità con gente all’altezza. Per Gaeta, nel PD sono rimasti solo 2 consiglieri e due ‘fans’ e questo ha creato un “risultato penoso, perchè l’evidente incapacità politica, ha permesso che lassù a Villa Sarsina si costituisse il club della Santaniello”.

16 novembre – Presso il plesso delle case popolari del Quartiere Zodiaco  si è svolta la riunione tra i cittadini che avevano protestato tre giorni prima, buttando in mezzo alla strada gli enormi cumuli di immondizia, e l’assessore ai Servizi sociali, Roberta Cafà, accompagnata (non ci dimentichiamo che stiamo parlando del quartiere Zodiaco) dal consigliere comunale Antonio Geracitano.

Non presente alla’incontro, Placidi deciderà di intervenire fattivamente con una bonifica straordinaria per le vie del Quartiere.

16 novembre – L’annuncio dato dall’Astral, l’Azienda Strade Lazio, che impone le catene da neve a bordo delle auto o l’utilizzo dei pneumatici idonei alla marcia su neve o ghiaccio, ha scatenato la reazione di molti cittadini che sono rimasti increduli nel ‘sapere’ che dovranno affrontare la spesa di nuovi pneumatici che non useranno mai. Ma niente paura, allegata alla nota dell’Astral, c’era anche l’elenco delle strade dove vige tale obbligo e per fortuna degli abitanti neroniani, sia la Pontina che la Nettunense sono esenti da tale obbligo. Per la Nettunense ci sarebbero bisogno dei pneumatici solo per un piccolo tratto prima del tredicesimo chilometro, quindi molto distante dalle strade di competenza del nostro Comune.

17 novembre – Il solito Agostino Gaeta, dal suo giornale on-line lancia la solita ‘provocazione’: il gruppo dei quattro dissidenti potrebbe sfaldarsi in seguito alla nomina di Millaci e Bruschini ad assessori o con deleghe particolari.

Secondo quanto riportato dal giornale, i due “avrebbero ricevuto proposte da mille e una notte, tra cui, le più scadenti sarebbero la delega alla Cultura per Bruschini e la gestione del Palazzetto dello Sport per Millaci”.

In realtà arriva subito la smentita da parte dei quattro che si dicono sempre più convinti di quello che stanno facendo, anzi.

Nella stessa giornata Marco Maranesi si dimette da capo gruppo di Forza Italia.

17 novembre – Con l’acquazzone di ieri pomeriggio, è tornata d’attualità l’emergenza pioggia. A farne i danni è stata ancora una volta la scuola media Falcone di via Ardeatina, trovata completamente allagata dal personale non docente all’apertura di stamane. Mentre gli studenti venivano spostati momentaneamente nella palestra, con l’ausilio dei Vigili del Fuoco e degli scopettoni delle bidelle, si è ovviato ancora una volta alla difficoltà.

scuola falcone

18 novembre – Sulle dimissioni di Maranese interviene addirittura il coordinatore provinciale di Roma di Forza Italia, Adriano Palozzi.

Si legge sul suo comunicato stampa: “Mi ha lasciato molto perplesso la notizia delle dimissioni di Marco Maranesi. Conosco bene il consigliere, un giovane di spessore umano e politico che per il bene del partito invito a fare un passo indietro. In questo delicato momento politico per la città anziate, infatti, Forza Italia deve dare esempio di compattezza. (…) Sono certo che Maranesi saprà dimostrare grande senso di responsabilità, tornando sui propri passi e ricreando all’interno del partito, anche col mio appoggio, le condizioni per superare l’empasse politico  che condiziona il buon governo della città di Anzio. Da parte mia riceverà tutta la collaborazione possibile”.

A Palozzi risponde, indirettamente, Millaci che dice apertamente “Continuiamo a chiedere un rinnovamento e non è vero che la crisi è rientrata. Restiamo uniti al 100%”- per poi concludere –“Ci interessa il bene della città, ma sia chiaro che il rinnovamento è un discorso, mettere la città in mano agli sciacalli politici dell’opposizione è un altro, e questo non lo permetteremo”

Ci viene un dubbio: Ma chi sarebbero questi sciacalli? E soprattutto, in questo momento c’è ad Anzio una vera opposizione?

maranesi

18 novembre – In una lettera indirizzata ai consiglieri del gruppo, al presidente del Consiglio Comunale Sergio Borrelli, al coordinatore locale di Forza Italia Patrizio Placidi, al sindaco Luciano Bruschini e al segretario generale Pompeo Savarino, Marco Maranesi ha finalmente motivato le dimissioni da capogruppo al Comune: “Non condivido alcuni modi di gestione amministrativa programmatica dell’ente pubblico. Rassegno le mie dimissioni dalla carica di capogruppo di Forza Italia non potendo più garantire un ruolo assolutamente imparziale e di mediazione tra l’amministrazione comunale e il capogruppo consiliare, con profondo senso di responsabilità. Invece di annunciarle, rimetto direttamente nelle vostre mani tale carica”.

Maurizio D’Eramo

, , , , ,