FINALMENTE: IL MONUMENTO NATURALE ‘VILLA E GROTTE DI NERONE E RELATIVA AREA ARCHEOLOGICA MARINA’ E’ LEGGE

FINALMENTE: IL MONUMENTO NATURALE ‘VILLA E GROTTE DI NERONE E RELATIVA AREA ARCHEOLOGICA MARINA’ E’ LEGGE

Finale col botto, alla Regione Lazio per quanto riguarda Anzio.

Alle 3.34 del 31 dicembre 2015, con la votazione che ha portato all’approvazione della legge di stabilità e bilancio 2016 alla Regione Lazio, è stato istituito il monumento naturale “Villa e Grotte di Nerone e relativa area archeologica marina”.

Invocato da molti e al centro di una campagna mediatica, l’istituzione del ‘Monumento nazionale’ è stato reso possibile grazie al grande ed instancabile lavoro svolto dal Comitato per la tutela e valorizzazione dell’area archeologica della Villa neroniana (Chiara Di Fede, una dei portavoce, è stata anche estensore dell’emendamento) e grazie all’impegno di Giancarlo Righini, consigliere regionale di Fratelli d’Italia-An, promotore dell’emendamento.

Una mozione in merito, fu approvata all’unanimità dal consiglio regionale un anno e mezzo fa, prima di passare al vaglio della Regione.

L’importante riconoscimento raggiunto, speriamo che serva per garantire una maggiore tutela del monumento, con la speranza, come si legge nel comunicato del Comitato, in una prossima “rimozione del brutto molo di cemento realizzato sui resti archeologici”.