EFFETTO CLEAN: RIMOSSI  I RIFIUTI DI VIA DELLA LOTTIZZAZIONE

EFFETTO CLEAN: RIMOSSI I RIFIUTI DI VIA DELLA LOTTIZZAZIONE

A metà ottobre a seguito del primo intervento di CLEAN è stata ripulita Via della Lottizzazione dai rifiuti.

I rifiuti in Via della Lottizzazione rappresentano  un grande problema per la popolazione che abita nelle vicinanze, e per il territorio in genere.  Tale strada viene presa sistematicamente come luogo di deposito indiscriminato di rifiuti, e giorno dopo giorno si forma una discarica abusiva di notevoli dimensioni, con le relative problematiche ambientali ed igieniche, e con la presenza di numerosi topi.

La situazione va avanti da anni e si è aggravata con la partenza della raccolta differenziata. La discarica viene periodicamente rimossa come bonifica straordinaria, senza però arrivare alla soluzione del problema. Il sopralluogo era avvento in data 30 settembre, subito dopo la segnalazione da parte di un cittadino della particolare gravità della situazione.

DSC_0552

Il giorno stesso della bonifica però già nuovi sacchetti si radunavano sul luogo iniziando a formare la base di ciò che sarà la prossima discarica sempre in Via della Lottizzazione da sgomberare.  Bisogna ricordare che Clean è un progetto in coordinamento con l’Assessorato all’Ambiente che si pone l’obiettivo di migliorare progressivamente  la drammatica situazione dei rifiuti di Anzio, e che per fare ciò segue una impostazione mentale ed operativa finalizzata ad agire sulle cause e non solo sugli effetti. L’obiettivo di Clean infatti non è quello di far sgombrare le discariche abusive ma di agire sulle cause che portano alla formazione di esse in modo che esse poi man mano non si riformino. Le segnalazione dei cittadini sono importantissime, come i loro suggerimenti. Tutto sarà oggetto di studio. Le segnalazioni più importanti, quelle con carattere di priorità igienico sanitaria ambientale come quella di Via della Lottizzazione, saranno oggetto di proposte per un  intervento immediato. Le segnalazioni minori rientrano nella normale gestione di criticità seguita dalla Ditta e dal Comune.

Relativamente alla problematica generale dei rifiuti Il 27 ottobre vi è stata una riunione urgente nell’Ufficio dell’Assessore all’Ambiente richiesta da alcuni componenti del gruppo Clean all’interno della quale, oltre a prendere atto che la contesa tra le due ditte appaltatrici porta ad una impossibilità di poter calibrare le proprie azioni su stabili condizioni contrattuali, si è deciso comunque di procedere con il programma di lavoro previsto dal progetto.

A tal riguardo l’Assessore Placidi ha convenuto di procedere con il coinvolgimento di quei settori istituzionali collaterali che costituiscono strumento indispensabile per tentare una stabile risoluzione del problema. Come evidenziato nel Comunicato Stampa di Clean del 27 ottobre “Sarà cura dell’Assessore all’Ambiente, in collaborazione con l’Assessore ai Tributi di dare inizio al lungo e necessario  lavoro di identificazione di coloro che non pagano la TARI per verificare le modalità  attraverso le quali smaltiscono i rifiuti prodotti. Sarà cura della Polizia Locale intervenire per le necessarie verifiche e comminare le  relative ammende.

Immagine TOPO

Sempre all’interno della riunione, e sempre in relazione alla problematica generale “l’Assessore ha anticipato di avere in programma, fino all’entrata in vigore del contratto definitivo, di intensificare l’azione di raccolta dei rifiuti abbandonati, traendo risorse di mano d’opera dalla  riduzione  della frequenza del prelievo della plastica, che passerebbe da due volte ad una volta la settimana”.

La situazione dei rifiuti ad Anzio è una cosa molto grave, che comporta implicazioni da un punto di vista dell’igiene e del decoro,  ambientale, di vivibilità del territorio, e di insofferenza da parte dei cittadini, almeno di coloro che vorrebbero un territorio maggiormente curato, maggiormente controllato, e meno inquinato.

Il deposito indiscriminato di rifiuti porta inevitabilmente, se non gestito e risolto, a problemi ambientali gravi. Relativamente a Via della Lottizzazione bisogna ricordare che nei pressi vi è parte del fosso di Falasche, uno degli antichi paleo fiumi del territorio, di valenza ambientale per la vegetazione a macchia mediterranea presente in esso,  che negli anni passati ha visto accentuarsi il fenomeno di inquinamento.

Il fatto che il progetto Clean riesca nel proprio intento sarà importante ed a favore di tutti.

Angela Pensword