Blow Up. Collettiva Fotografica al Forte Sangallo

Blow Up. Collettiva Fotografica al Forte Sangallo

Il 4 novembre scorso al Forte Sangallo è stata inaugurata BLOW UP, una nuova collettiva fotografica che trae ispirazione dall’omonimo film di Michelangelo Antonioni.

La mostra, patrocinata dal comune di Nettuno e organizzata da Dalila Lugli e Diletta Di Paola, si prefigge di diventare un evento fisso con cadenza semestrale e, come ci raccontano le curatrici l’intento è quello di dar voce e visibilità a talentuosi fotografi locali, non ancora professionisti.

L’allestimento, curato dall’estro di Diletta Di Paola, è diverso per ogni artista e ne suggerisce per ognuno le personalità ed il pensiero. Sacchi di iuta, lana, cartone, spago… materiali poveri come le terre fotografate da Laura Pelliccia, India e Thailandia, ma anche materiali d’uso quotidiano e semplici come gli scatti di Marco Celani, ma che sono carichi di romanticismo.

Come spiegano le organizzatrici, per questa prima esposizione abbiamo volutamente deciso di non fornire un tema da seguire, ma di lasciare emergere le personalità e peculiarità di ogni singolo artista liberamente creando un allestimento personalizzato per ogni autore.

E allora, ecco che si lascia spazio alle proprie visioni e interpretazioni, e c’è chi percepisce il mondo a 180°, suggerendo nei propri scatti la sfericità della terra, attraverso la tecnica del fisheye come Simone Formicola, chi vede la natura come un puzzle di geometrie e colori come Diletta di Paola, o chi ripropone una poetica intimista e decadente come negli scatti di Gloria Colaianni e di Paloma Di Paola che sembra ritrarre il pensiero pascoliano delle piccole cose.

La mostra sarà aperta al pubblico fino al 23 novembre e chiunque voglia partecipare alle selezioni per la prossima collettiva può inviare la propria candidatura e foto all’indirizzo mail: dalila.lugli@gmail.com

, , , , , , , , ,