ALTRO ‘GUINNES WORLD RECORD’ PER MARCELLO FOTIA

ALTRO ‘GUINNES WORLD RECORD’ PER MARCELLO FOTIA

A Torre Annunziata in 14 ore, sfornate 10.900 pizze

Il nostro concittadino Marcello Fotia, proprietario e pizzaiolo della Pizzeria ‘La Divina Commedia’, poco dopo più di un mese dall’evento record del ‘Pizza Days Roma’ delle Capannelle, è stato tra i protagonisti di un nuovo Guinnes World Record che si è tenuto domenica 20 ottobre, presso il Molo Crocelle dello scalo portuale di Torre Annunziata,

L’iniziativa, organizzata dal ‘Gruppo La Piccola Napoli’ del Presidente Paco Linus, e promossa dal Food blogger locale, Giuseppe Imperatore, meglio conosciuto col soprannome di ‘peppefoondie’, è nata con l’intento di sbaragliare record detenuto in precedenza da un gruppo di cuochi svizzeri, del maggior numero di pizze sfornate nel giro di 14 ore.

Per battere il precedente record di 10.123 pizze, sono stati ‘ingaggiati’ dagli organizzatori, 40 tra i più famosi maestri del settore, tra cui il nostro Fotia, unico pizzaiolo non proveniente dalla Campania, che ha però, nel suo bagaglio tecnico e nel suo curriculum, oltre a vari campionati del mondo e d’Europa, anche tre altri ‘Guinnes’, di cui l’ultimo -come abbiamo avuto già modo di ricordare- soltanto un mese prima a Capannelle dove lui e gli altri pizzaioli del ‘gruppo’ hanno servito in simultanea ben 1.300 persone assiepate sulle gradinate dell’ippodromo romano.

Per preparare l’evento e conquistare il nuovo record, i 40 pizzaioli si sono divisi in sei diversi gruppi, preparando come in una vera catena di montaggio tutta la parte preparatoria, alternandosi alla stesura della pasta sulle pale, con gli ingredienti da mettere sopra le pizze, e alla cottura delle stesse.

Ingredienti che alla fine sono risultati essere una vera montagna di materiale, con 600 quintali di mozzarella, 300 quintali di farina, 1800 chili di pomodoro, oltre ad ettolitri di olio…

La grande ‘pizzeria’ è stata allestita sulla banchina del porto oplontino, alla presenza di un migliaio di spettatori, giornalisti e sponsor, ma la preparazione della sfida era iniziata già il giorno prima, con la preparazione della pasta da infornare (che da tradizione deve lievitare ben 24 ore), che è stata, poi, tagliata in 12.000 pezzi.

La vera e propria gara è iniziata alle 11,00 di mattina di domenica, alla presenza dell’arbitro internazionale Lorenzo Veltri, che ha personalmente controllato ogni pizza sfornata, per accertarsi che le stesse avessero tutti i requisiti giusti richiesti per tale sfida (quelle rotte, bucate o bruciate venivano ovviamente scartate), e si è protratta fino alle due di notte, ora in cui, davanti ai 40 pizzaioli sfiniti, si è passati alla conta e al responso… sui tavoli erano pronte 10.893 pizze regolari: era record!

Dopo la constatazione e la convalida del nuovo ‘Guinnes’, si è passata alla parte più ‘culinaria’ dell’evento, con una mangiata generale delle stesse pizze, vendute al prezzo simbolico di due euro (la somma raccolta è stata devoluta in beneficenza), mentre la stragrande maggioranza è stata donata alle comunità e alle associazioni che si occupano di assistere i bisognosi come barboni, case famiglia, Caritas.

Il tentativo di record, che si è tenuto proprio durante i festeggiamenti della Madonna della Neve, evento molto sentito da tutta la popolazione di Torre Annunziata e che richiama annualmente migliaia di turisti da tutta Italia, ha visto come Madrina della manifestazione, l’attrice e cantante Anna Capasso.

Maurizio D’Eramo