ANZIO RICORDA MARIGLIANI

ANZIO RICORDA MARIGLIANI

La Città di Anzio ha reso onore al Sindaco, Castore Marigliani con un mezzobusto del Sindaco Marigliani, realizzato nei Laboratori dei Fratelli Todini di Tarquinia, posto nei giardini di Villa Corsini Sarsina 

Sabato 15 settembre, nei giardini di Villa Corsini Sarsina, la Città di Anzio ha reso onore ad uno dei suoi simboli più importanti: il Sindaco, Castore Marigliani, protagonista della ricostruzione cittadina nel dopoguerra, durante il suo lungo mandato dal 1952 al 1968. L’opera d’arte, che raffigura il mezzobusto dello storico Sindaco, promossa e finanziata dal Comitato del Vicolo del Libero Pensiero, presieduto dal sig. Saverio Gargana, è stata realizzata dagli artigiani Fratelli Todini di Tarquinia ed è stata “scoperta” alla presenza del Sindaco, Candido De Angelis, delle Autorità politiche, militari e religiose del territorio e dei familiari del Sindaco, Castore Marigliani, ad un anno dalla sua scomparsa ed a 50 anni dalla fine del suo mandato come Primo Cittadino di Anzio.

Il Sindaco Marigliani, nei difficili anni della ricostruzione post bellica, è stato il protagonista della realizzazione della case popolari ad Anzio Colonia ed al Quartiere Marconi, dell’acquisizione al patrimonio comunale del Paradiso sul Mare, di Villa Corsini Sarsina ed in seguito di Villa Adele, della realizzazione dei due edifici scolastici di Via Ambrosini, del Centro Sportivo con la piscina comunale e dell’intera rete fognaria di Lavinio mare; inoltre fu l’artefice del primo Piano Regolatore, della nascita dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo, del Consorzio Acquedotto di Carano, insieme al Comune di Nettuno e del Quartiere Sacida, promuovendo il ritorno di tante famiglie italiane dalla Tunisia. Con l’avvento della Cassa del Mezzogiorno, Marigliani fece inserire la Città di Anzio nel Consorzio di Sviluppo dell’Area Roma/Latina, favorendo lo storico insediamento della Colgate Palmolive e di altri insediamenti industriali.